Vivere in pensione all’estero: Cipro, tutte le informazioni

Vivere in pensione all’estero. Questa è una domanda che mi sono posta anch’io, anche se il tempo della pensione è ancora lontano, ma me l’hanno anche posta molte altre persone. Così ho fatto delle ricerche. Ho cercato di confrontare i paesi che offrono la migliore tassazione, il costo della vita, e la sanità, tre ingredienti secondo me fondamentali per fare il grande balzo. Poi ci sono gli aspetti secondari, ma sempre importanti, la vicinanza all’Italia, la lingua, e cosa offre una nazione dal punto di vista turistico e paesaggistico: mare, spiagge, ecc, le connessioni internet, per dialogare con i figli, parenti, costo delle abitazioni, il clima. I paesi sono molti, e quindi ne tratteremo una alla volta

Quasi 500.000 pensionati sono andati a vivere all’estero, e percepiscono la pensione dall’Inps, nel paese scelto, e vedremo come. In alcuni paesi la tassazione è quasi zero, ciò significa che il vostro assegno pensionistico raddoppierà

Come fare per percepire la pensione all’estero.

cipro casa

Bisognerà innanzitutto risiedere nel paese scelto, avere cioè la  residenza per almeno 183 giorni all’anno, nella nazione prescelta, e non avere domicilio né dimora in Italia. L’italia infatti ha stipulato accordi bilaterali, con molti paesi, che impediscono la doppia tassazione.

Attualmente i paesi che hanno questa convenzione sono i seguenti: Albania, Algeria, Arabia Saudita, Argentina, Armenia, Australia, Austria, Azerbaijan, Bangladesh, Belgio, Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Cipro, Congo, Corea del Sud, Costa d’Avorio, Croazia, Danimarca, Ecuador, Egitto, Emirati Arabi, Estonia, Etiopia, Federazione Russa, Filippine, Finlandia, Francia, Georgia, Ghana, Germania, Giappone, Giordania, Grecia, Hong Kong, India, Indonesia, Irlanda, Islanda, Israele, Ex Jugoslavia (Bosnia Herzegovina, Serbia e Montenegro), Kazakhistan, Kuwait, Lettonia, Libano, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malaysia, Malta, Marocco, Mauritius, Messico, Moldova, Mozambico, Norvegia, Nuova Zelanda, Oman, Paesi Bassi, Pakistan, Polonia, Portogallo, Qatar, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, San Marino, Senegal, Siria, Singapore, Slovenia, Spagna, Sri Lanka, Stati Uniti, Sudafrica, Svezia, Svizzera, Tanzania, Thailandia, Trinidad, Tunisia, Turchia, Ucraina, Uganda, Ungheria, Ex Unione Sovietica (Kirghisistan, Tagikistan e Turkmenistan), Uzbekistan, Venezuela, Vietnam e Zambia.

Bisogna poi fare la domanda per trasferirsi in questi luoghi a questo link: Anagrafe Italiani Residenti all’Estero (Aire) e quindi la domanda all’Inps nel sito a questo link: Moduli > Convenzioni Internazionali  per percepire la pensione all’estero

Si dovrà aprire un conto bancario nel paese scelto, e fare domanda all’Inps a questo link indicando i dati di riscossione all’estero

Oggi parleremo non del Portogallo, molto gettonato,  che ha cambiato un po’ le regole, ma di Cipro

Cipro

Vivere in pensione all'estero: Cipro
  • Il regime fiscale: esiste una no tax area fino a 3.240 Euro l’anno, e il 5% per tutte le cifre superiori, in Italia paghiamo il 43%. Vedi l’articolo in inglese sulla tassazione a Cipro. C’è stato un piccolo aumento nel 2016 causa dovuta ai problemi con la Troika, ma adesso sembra ritornata al 5%
  • Costo della vita: Un bilocale al mare o trilocale, sul mare costa dai 500 euro in su, e il costo dei generi alimentari è come da noi, un litro di latte 1,39 Euro, un kg di arance poco piu’ di un euro, 1,75 una lattina di birra. Un pranzo completo circa 25-30 Euro
  • Sanità pubblica a Cipro: la sanità è soddisfacente, vi sono 7 ospedali pubblici efficienti, e un centinaio di cliniche private. Le tariffe per le visite specialistiche sono inferiori a quelle italiane. Per usufruire della sanità pubblica bisognerà fare richiesta all’asl di competenza tramite il modello S1
  • Criminalità: la criminalità è pari a zero, e Cipro, rientra nei 10 paesi con il piu’ basso tasso di criminalità al mondo. Nonostante l’isola sia divisa in due, la parte Greca e la parte Turca, questa è tranquilla
cipro strada
  • la lingua:la lingua ufficiale è il Greco, ma essendo un posto turistico quasi tutti parlano l’inglese
  • Vicinanza con l’Italia: è a solo 3 ore e mezzo di volo dall’Italia e vi sono molti voli low coast: Easy jet, Ryanair , ecc
  • Clima: 300 giorni di sole all’anno, e i rimanenti sono giorni con temperature miti. Nell’Inverno si concentrano le piogge: Gennaio e Febbraio, l’estate è calda, ma mitigata dai venti, e la temperatura dell’acqua pure, può raggiungere anche i 30 gradi
  • La guida: Le autostrade sono buone, ed è servita bene dagli autobus. La guida è rimasta quella inglese, cioè a sinistra. In Inghilterra, io avevo la macchina, quando vivevo lì. All’inizio si è spaesati, ma poi ci si abitua
  • Comunità italiana: Chi vive all’estero, questo lo so per esperienza, dopo un po’ vuole interagire con i suoi conterranei, e la comunità italiana, si sta notevolmente ampliando, oggi sono poco piu’ di un migliaio, ma sono in netta crescita. Vivono nelle città principali, come Limassol, Nicosia e Larnaca.

Il mare

Vivere in pensione all'estero: Cipro

Il mare è splendido, e le spiagge pure, la zona piu’ bella è la costa sud-est: Ayia Napa, la punta dell’isola è detta Cavo gkreko, con un parco naturale e la blu lagoon. Vi è poi la costa a sud-ovest, con la spiaggia di sassi: di Petra tou Romiou, la spiaggia dove si dice sia nata Venere, passando per la mitica Coral bay. All’interno si erge una catena montuosa dove l’inverno si può andare a sciare. Dal punto di vista culturale c’è moltissimo, musei e siti archeologici. Cipro io l’ho vista ed è veramente molto bella, poi c’è il loro stile di vita: “sigà sigà” che significa piano piano, un modo di vivere slow.

Tutto bello allora?

Bisogna avere delle attenzioni, non si può dire che tutto è bello e facile, nel 2013 ad esempio, Cipro è stata attraversata da una terribile crisi finanziaria, e tutti i depositi bancari superiori a 100.000 euro sono stati pesantemente tassati, anche del 35%. Per cui i soldi li terrei in una banca di un altro paese. Vedi articolo sole 24 ore, che comunque è del 2014. Oggi questo problema dovrebbe essere scongiurato.

E’ chiaro che se si intende andare a vivere in un altro paese, è consigliata una lunga vacanza di perlustrazione, e se si hanno delle conoscenze in loco ancora meglio. Ai prossimi paesi dove vivere da pensionati!

Altri articoli