Vezelay Francia cosa vedere

Vezelay, cosa vedere in questo magico borgo medioevale francese

Vezelay in Borgogna, la provincia piu’ ricca della Francia, sia dal punto di vista storico, culturale e gastronomico. Vi sono tesori di architettura romanica unici, come Fontenay e Vezealy. Questo paesino l’abbiamo trovato un posto magico. Siamo capitati qui quasi per caso, e non saremmo piu’ andati via. Si respira un’aria medioevale, in questo borgo ricco di cultura e di piccoli negozietti stracolmi di ogni ben di dio. Vezelay, fa parte del cammino verso Santiago de Compostela, la via Lemovicense. La basilique di Ste-madeleine domina Vezelay dall’alto, e si dice che qui fossero conservati i resti di Maria Maddalena. Questa visita fa parte dell’articolo Tour de france in auto, dove ci sono tutte le indicazioni e consigli utili.

Cosa vedere a Vezelay

la Cattedrale di Ste-Madeleine

Questa basilica romanica ricostruita verso la fine del IX  secolo, dopo che i  Mori distrussero la prima costruita su una vecchia villa. Attrae per le sue splendide sculture ed il coro gorico.

Dopo aver percorso un tratto di strada in salita si arriva alla basilica. Intorno al 1050 i monaci di Vezelay, sostenereno che qui erano conservate le reliquie  di Maria Maddalena, portate dalla Terra Santa, dal loro fondatore san Badilo. Divenne così luogo di pellegrinaggio di molti ex carcerati che portarono qui le loro catene, che furono fuse da l’abate Geoffey, per farne la cancellata in ferro battuto, posto sull’altare di Maria Maddalena. Nella pasqua del 1146 Bernardo di Chiaravalle, cominciò qui la sua seconda crociata. Il declino di Vezelay, cominciò con la scoperta nel 1279, del corpo di Maria Maddalena a Saint-Maximin-la-Sainte-Baume. Dopo la rivoluzione francese l’abbazia stava cadendo a pezzi e solo nel 1840 si inziò una massiccia opera di restauro.

La facciata della basilica è orientata verso ovest, e rispecchia le tre navate e le due torri campanarie, mentre all’interno è a pianta croce latina. All’interno si passeggia tra le magnifiche colonne in marmo, che sostengono le volte.

Molto interessante è anche la cripta di Ste-madaleine , dove si pensava ci fossero le sue reliquie. Vi è  infatti una sorta di proiezione che permette di visualizzare la luce nelle varie ore del giorno.

Rue st Pierre

Questa è la via che porta all’Abbazia e che ha mantenuto la sua caratteristica medioevale, ci sono piccoli negozi di alimentari, di antiquariato e di monili

I dintorni

Tutto intorno a Vezelay, ci sono dei boschi, siti naturali, il piu’ famoso è quello della Madelein, poi girando si possono trovare molte piccole aziende vinicole che vendono lo Chablì. Si vedono i cartelli dalla strada, e una volta entrati, ti fanno accomodare in un piccolo salotto e assaggiare il vino. Poi ti mostrano l’autoclave e le botti di legno, dove viene conservato il vino. Si può scegliere se comperare quello barricato o quello in autoclave. Quello che mi ha stupito, è la pulizia di queste piccole cantine, nel pavimento, ci si potrbbe mangiare. Poi sono attrezzati con carte di ceìredito e Paypal, e si possono comprare dalle sei bottiglie, in su. Una visita bellissima nella campagna francese.

Dove e cosa mangiare a Vezelay

Sulla via che porta all’Abbazia e nella piazza centrale vi sono diversi piccoli ristoranti. I piatti tipici della Borgogna sono: il manzo alla Borgogna, la famosa senape di Digione, gli asparagi, quando è stagione, tartufi e lumache di Borgogna, a chi piaccion,o diventa obbligatorio mangiarle, questo piatto nasce qui.

Dove dormire

Noi abbiamo alloggiato al : Le Compostelle, un pò datato, ma carino, ospitato in un edificio d’epoca

Questo è un paese gioiello, non dico di venirci appositamente, ma se si è in Borgogna una visita la merita senz’altro, sembra di ritornare nel medioevo!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.