Indice dei Contenuti

Venezia 6 luoghi da vedere in due giorni

Un periodo difficile questo per Venezia, come per il resto dell’Italia. Venezia, una città che vive di turismo, oggi è deserta. Una città frequentata soprattutto da un turismo straniero,  prevede  un calo di circa 3 miliardi di euro di spesa turistica. Gondole vuote, e mastri vetrai di Burano che chiudono. Un arte antica, che rischia di scomparire.

Ci sono però anche delle buone notizie: le grandi navi non passeranno piu’ per il bacino San Marco, ed il Mose, quest’anno, è riuscito a scongiurare l’ ennesima alluvione.

Venezia, è pronta a ripartire per l’ennesima volta, a riaprire hotel e ristoranti. Anche noi possiamo darle una mano andando a visitare, una delle piu’ belle città nel mondo.

Ho fatto un itinerario con 6 luoghi, forse meno conosciuti, ma interessanti, sia dal punto di vista storico, che culturale, Alcuni, sono meno battuti dal turismo di massa, come Sant’Elena, una piccola perla.

GHETTO EBRAICO, CAMPO SAN POLO,  FONDAZIONE CINI, ARSENALE,I GIARDINI, SANT’ELENA

Qui ho fatto un percorso con maps, si può fare tutto a piedi, e prendere solo il vaporetto, per l’isola di San Giorgio.

Cattura.venezia e1554365689338

Clicca sulla mappa per renderla interattiva

L’isola di san Giorgio e Sant’Elena, sono le piu’ distanti, ma cercate di non scartarle perchè, a mio avviso, forse sono le piu’ belle. Tutte le informazioni su “carta Venezia” trasporti ecc. Le potete trovare nel mio articolo Venezia. Qui metto solo degli hotel in offerta su Booking.com

Altri articoli su Venezia

Partiamo quindi subito dalla Stazione Venezia S.Lucia e andiamo a piedi al:

Ghetto ebraico

20150105 091316 e1554364507748

L’amante senza fissa dimora”, è un libro di Fruttero e Lucentini,è tutto ambientato a Venezia, ed in particolare nel Ghetto. La loro penna lo descrive così bene, che sono andata a rivederlo. Pur abitando a Padova, e avendo studiato e vissuto per quasi tre anni a Venezia, non lo conoscevo bene. Questo si trova nel quartiere di Canareggio, e qui risiedevano gli ebrei, durante la Repubblica di Venezia. Fino al  1289 risiedevano all’isola della “Giudecca” e proprio per questo motivo, l’isola assunse questo nome.

Dopo questa data, gli fu vietato di risiedere a Venezia, dove potevano venire solo per i loro commerci. Nel 1516 il divieto fu tolto, e poterono stabilirsi nella zona di Canareggio, che presto diventò “ghetto vecchio”, che poi si ampliò col” ghetto nuovo” e col “ghetto nuovissimo”. Nel ghetto nuovo, vi è il monumento all’olocausto. Ancor oggi è il fulcro della comunità ebraica, e vi sono numerose sinagoghe, dette anche “schole”: schola frande,tedesca, levantina. Qui vi sono anche diversi ristoranti con cucina tipica ebraica, come il ristorante Upupa, ghetto Venezia

Proseguiamo sempre a piedi e andiamo in

Campo San Polo

20150105 084522 e1554364522160

Questo stupendo campo, è uno dei piu’ grandi di Venezia, e prende il nome dalla chiesa, che si trova, nel suo perimetro. Io qui ci ho passato molto tempo, perchè c’era la sede di Lingue orientali. Quindi se volete riposarvi un pò, posso dirvi che vi sono diversi “bacari” bar, in Veneziano, dove bere un'”ombra”(bicchiere di vino) con gli “spuncioni”: stuzzichini. 

Dopo avere visto questo splendido “campo” possiamo andare alla stupenda basilica dei “Frari”. Qui c’e il link del sito, molto interessante.. Questa non è una meta insolita, anzi è abbastanza famosa, ma visto che è relativamente vicina, tanto vale andarci. Costruita nel 1200 circa, questa Basilica, ha una pianta a croce latina, ed ha uno stile gotico Veneziano. Possiede tre navate, e oggi ha 17 altari monumentali. Qui sono anche custodite numerose opere d’arte, tra le quali, opere del Tiziano, una visita per chi ama l’arte.

Isola di S.Giorgio, fondazione Cini

fondazione cini

 

Questa è una meta piuttosto insolita, ma interessante. Si arriva all’isola con la linea 2 da S.zaccaria, vicino a S.marco.  La fondazione Cini, si trova nell’isola di san Giorgio Maggiore, un luogo di antico fascino, le cui radici, risalgono al X secolo, quando i monaci benedettini fondarono il primo convento con chiesa adiacente. La basilica è realizzata in stile rinascimentale, su progetto del Palladio verso la fine del XVI secolo. All’interno due opere del Tintoretto:L’‘Ultima Cena’ e la ‘Raccolta della Manna’, e laVergine con Bambino e Santi’ di Sebastiano Ricci,

Nell’ex monastero Benedettino, ha sede la Fondazione Cini, che ha lo scopo di promuovere le attività di ricerca, spettacoli, e concerti. Sito:Visitcini. Dal 1 marzo 2018, è possibile visitare la fondazione con visite guidate, si possono vedere le biblioteche, i giardini, e le mostre. oggi causa Covid è chiusa, ma nel sito potete controllare le riaperture. Questa è un’oasi di pace, che la fondazione ha contribuito a restaurare dopo un lungo periodo di abbandono e degrado.  Venezia è non è una “passeggiata”, adesso, bisogna camminare, infatti torniamo a S.zaccaria e andiamo all’Arsenale

Arsenale

venezia luoghi da scoprire

Un detto dice: se non hai visto l’Arsenale , non hai visto Venezia. l’Arsenale è un complesso di cantieri navali, sorto nel XII secolo, nel florido periodo della “Serenissima”. Importante anche perchè, qui fu creata, secoli orsono, la prima catena di montaggio, anticipando il concetto di fabbrica. Le maestranze organizzavano il lavoro, in una successione di operazioni di assemblaggio, un avveniristico processo produttivo per quell’epoca.

La superficie si estende per circa 48 ettari, e quando era in piena attività vi lavoravano fino a 2000 lavoratori (arsenalotti)  Fu costruito per l’esigenza di dare maggiore sviluppo all’attività cantieristica, attività strategica per la Serenissima, che si apprestava, a controllare gran parte del Mediterraneo orientale Oggi è la sede della Biennale, famosa mostra di architettura moderna. Camminando piu’ avanti, si trovano gli stupendi giardini Napoleonici della Biennale. Oggi ospitano fino a 29 padiglioni, ed è una delle piu’ grandi esposizione di arte moderna.

Ultima tappa S.Elena

Se volete potete andare a piedi dai giardini, oppure andate all’imbarcadero e prendete il vaporetto. Quest’isola, è poco conosciuta, ma a mio parere è bellissima. Qui si respira la vecchia Venezia. Le case in pò fatiscenti, gli abitanti per lo piu’ anziani, le danno quel tocco di “malinconia”. Qui vi è il “Diporto velico Veneziano, Marina Venice”, se vi piacciono le barche andateci, l’accademia Morosini, e una meravigliosa basilica romanica: S.Elena. Edificata nel 1028, ed affidata agli Agostiniani che vi costruirono un convento. Giratela tutta Sant’Elena, vi regalerà degli squarci indimenticabili, questa secondo me è la vera Venezia

Hotel a Venezia

Gli hotel adesso stanno facendo delle offerte, e su Booking.com, le prenotazioni sono cancellabili. Potete dare uno sguardo nel box sottostante, per concedervi un romantico soggiorno nella città piu’ bella del mondo. (lo so sono di parte, ma sono Veneta)

Altri articoli