Ungheria on the road Pecs

Ungheria on the road, Pecs una città ancora da scoprire

Questo è un viaggio che abbiamo fatto in auto attraversando tutta l’Ungheria. A parte Budapest puoi vedere l’articolo qui

che è bellissima anche tutta l’Ungheria c’è piaciuta molto, è ricca di storia, ed è stata una sorpresa molto piacevole, Questo paese dell’ex unione sovietica oggi è un paese moderno, che si è lasciato alle spalle i suoi passati legami con l’URSS, e dove potrete concedervi ancora dei piccoli lussi. Noi siamo partiti da Reggio Emilia e abbiamo raggiunto la prima tappa attraversando la Slovenia e giungendo Pecs, paese abbastanza sconosciuto, ma sempre sulle strade del viaggio

Pecs

Non ancora molto conosciuta dal turismo è stata insieme a Instanbul ed Essen capitale della cultura nel 2010. E’ ricca di monumenti e di storia. Si trova a 200 km da Budapest, nella regione di Baranja, ed è una delle città piu’ antiche dell’Ungheria, conosciuta anche per la sua produzione di birra e porcellane, che sono esportate in tutto il mondo.

La città infatti risente dell’influsso dell’impero ottomano e dopo la fine della dominazione turca,  quella degli Asburgo. E’ una città molto piacevole sotto tanti punti di vista: i monumenti, i suoi negozi pieni di porcellane e i piccoli caffè e ristoranti nelle piazze, per non parlare della sua antica università.

Moschea di Pasha Qasim

Bellisssima moschea, ed unica nel suo genere in quanto porta i simboli sia della religione mussulmana, che di quella cristiana. Fu costruita infatti nel 1543 al 1546, è stata trasformata dopo la dipartita dell’impero ottomano in luogo di fede cattolica. Quindi all’interno si possono vedere sia le scritte arabe, che i simboli di religione cristiana, oggi infatti è un luogo di culto cattolico. L’esterno è chiaramente di struttura turca. Personalmente non ho mai visto convivere simboli di due religioni all’interno di un luogo di culto, questo dovrebbe essere un esempio per tutti coloro che professano le due religioni.

Mausoleo paleocristiano

Anticamente nel periodo romano Pecs si chiamava si chiamava Sopianae, ed i romani fecero questo antico cimitero cristiano, che risale al 4°secolo, sede di molte visite. Fu scoperto nel 1975 ed oggi è patrimonio dell’Unesco. Vi sono camere funerarie riccamente decorate, che raffigurano Adamo ed Eva, l’albero della vita e il profeta Daniele.

Cattedrale di Pecs

Questa cattedrale nota anche come basilica di San Pietro e Paolo, nel 16° secolo convertita a moschea turca e poi di nuovo rivendicata come luogo di culto cristiano cristiano. All’interno vi è uno degli organi piu’ grandi dell’Ungheria, e numerosi affreschi, la sua costriuzione appartiene al 12° secolo. Notevoli anche le quattro torri sui lati.

Kiraly street

La via centrale di Pecs, con i suoi negozi di ceramiche è molto carina, ed alla sera molto animata. Gli edifici sono in stile barocco e su questa via si trovano altre attrazioni, quali il teatro Nazionale e l’Hotel Palatinus, da visitare senz’altro anche per bersi solo una birra o un te.

 

Sono da segnalare anche: l‘antico bagno turco, il centro Kodaly, dove hanno suonato molti artisti infatti ha una bellissima sala concerto del 2010, il teatro Nazionale, e la Fontana Zsonlay con le sue quattro bocche a forma di testa di bue.

Vita notturna

Qui alla sera si balla e si canta, ci sono concerti di musica dal vivo, e molti cocktail bar, nuovi, molto belli che in Ungheria troviamo solo nella capitale.

Hotel

Gli hotel qui sono abbastanza economici, si può andare al 4 stelle Palatinus in zona centrale, o in altri che metto nei deals di booking


Booking.com

Ho visitato poco i paesi dell’est, ma vedendo l’Ungheria e questa piccola città ho capito che saranno nel mio futuro mete di viaggio. Infatti si stanno tutti modernizzando e sono ricchi di storia, noi proseguiremo per il lago Balaton, e quindi alla prossima guys!!

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.