Stonehenge il circolo misterioso

Stonehenge il circolo di pietre misterioso nella piana di Salisbury

Era da tanto tempo che volevamo vedere la misteriosa Stonehenge, questo strano circolo di pietre, del quale tanto si è parlato e tanto, ancora se ne parla. Vedere Stonehenge, era anche una scusa per vedere la bellissima campagna inglese, e la cittadina di Bath. Prima di andare a Stonehenge, ho letto diverse teorie su questo sito misterioso,ed ho trovato : alieni, druidi, re Artu’ e il mago Merlino, Satana, insomma un pò di tutto. La cosa certa è che su queste pietre nella piana di Salisbury,  sappiamo poco o niente. Quello che si sa per certo da una datazione al radiocarbonio è che la costruzione di queste pietre risale a circa 3.000 anni prima di Cristo, e termina circa nel 1.100 a.C . , ma hanno rinvenuto carbonicini, risalenti anche a 7000 anni prima di Cristo.

Quindi la teoria che l’abbiano costruita i Druidi decade, in quanto questi arrivarono in Gran Bretagna nel V secolo a.C. e neanche che le abbiano usate come sito per sacrifici, in quanto i loro erano rituali perlopiu’ terrestri, nei boschi e nelle campagne. Chi, quindi si è divertito a spostare questi megaliti, senza forse l’ausilio della ruota? Ognuno chiaramente avrà la propria interpretazione, io mi limiterò a raccontare questo sito, un circolo di pietre enormi in mezzo al nulla, che rimangono ancora un grande mistero. Resta il fatto che ancora oggi migliaia di visitatori si recano qui per vedere le pietre, per alcuni, che seguono i culti neopagani Wicca e celti, sono un luogo di pellegrinaggio, specialmente il giorno del solstizio d’estate, quando diventa possibile per alcuni toccare le pietre.

Come arrivare a Stonehenge

Stonehenge dista da Londra 140 Km. Si può raggiungere in auto, l’unico problema è che la guida è a destra, e uscire da Londra è veramente complicato. Si può utilizzare il treno o l’autobus fino a Salisbury, che si trova a circa 15 km da Stonehenge, a questo sito, oppure utilizzare l’autobus con l’ingresso pagato, che trovate qui. Arrivati al sito vi viene data un audio guida nella vostra lingua. Poi uno shuttle vi preleva e vi porta nel sito.

Visita a Stonehenge

la visita, una volta scesi dallo shuttle, consiste nel girare intorno alle pietre, senza però avvicinarsi troppo, è un percorso guidato. Si cammina intorno al cerchio: Sarsen. Questa circonferenza era costituita da trenta monoliti, oggi ne rimangono 16 , di quasi 4 metri di altezza, con sopra degli architravi. All’interno del Sarsen circle, vi è un secondo cerchio di 23 metri di diametro, le Blue stones circle, e sempre al suo interno, due ordini di pietra a ferro di cavallo in direzione nord-est. Dentro a questo come nelle scatole cinesi, una pietra piatta, chiamata pietra altare.

All’esterno del Sarsen circle si rilevano due serie di buche x e y, tutte a 30, 35 metri dal cerchio, dalla funzione misteriosa. Qui furono trovati resti di vasellame, infine proprio all’esterno, vicina al fossato circolare una serie di buche, Aubrey holes, di 85 metri di diametro. Anche qui oltre ai resti di vasellame e ceneri, resti di cremazioni. Ho riportato tutte queste misurazioni, per esplicitare il lavoro di precisione che fu fatto dai presunti uomini della pietra nel costruire tale sito. Oltretutto unendo i vari punti si ottiene un perfetto triangolo equilatero. Infine la Heel stone, pietra del tallone, chiamata così perchè si può scorgere il segno del tallone lasciato dal monaco che l’aveva lanciata verso il diavolo.

Sempre in linea, la pietra del massacro, di colore rosso, dovuto alle sostanze ferrose, è leggermente inclinata verso il monumento, quasi in segno di rispetto. Il giorno del solstizio, il sole appare nella sommità della pietra, e tramonta diametralmente all’opposto.

E’ chiaro che tutta questa mole di lavoro fatta da uomini preistorici lascia un pò perplessi, ed è facile immaginare come nel medioevo, ed in altri periodi storici siano state fatte moltissime speculazioni riguardo queste pietre. Resta il fatto che non c’è nulla di certo, se non quello che vediamo, poi ognuno può dare la sua libera interpretazione. Alla fine del percorso troverete un bellissimo shop di souvenir, di datazione certa!!

Noi proseguiremo per Bath e le terme romane nel prossimo post.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Questo articolo ha 2 commenti.

    1. Si hai ragione pieno di fascino e mistero. Un saluto e grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.