Spetses cosa vedere nell’isola sul golfo Argo-Saronico

Spetses, è diventata famosa, grazie allo scrittore inglese John Fowles, l’autore de “La donna del tenente francese” che visse qui, all’inizio degli anni Cinquanta, ed ha usato l’isola come ambientazione del romanzo “Il Mago”. Nell’isola però, non sono mai state sviluppate spiagge o strutture come quelle descritte nel romanzo. Oggi la città è la piu’ grande delle isole Saroniche, con appartamenti e ville sparse lungo la costa settentrionale. Il resto è quasi tutto disabitato, con pinete e spiaggette eccellenti lungo la costa. Inoltre, come ad Hydra, le auto sono state bandite. Spetses l’ho vista insieme alla vicina Hydra, difficile dire quale sia la piu’ bella, perchè secondo me, queste isolette sono tutte fantastiche.

Dove si trova, e come arrivare a Spetses

Spetses, si trova nel golfo di Argo-Saronico, dove ci sono isole rocciose, ed in parte vulcaniche, una diversa dall’altra. L’isola piu’ a nord è la famosa Salamina, che sembra però un sobborgo del Pireo. Per arrivare a Spetses, l’unico mezzo è il traghetto, visto che non possiede un suo aeroporto. Quindi dal Pireo, si può prendere la Hellenic Seaways. Almeno cinque aliscafi, e catamarani, collegano Spetses con il Pireo in 2 ore e 20 minuti, via Hydra e Poros.

Come muoversi a Spetses

spetses strada
  • In autobus: Vi sono due servizi per le spiagge in alta stagione: a ovest per Kounoupitsa, Ligoneri, e Vrellos, circa ogni ora, accanto all’hotel Poseidon. Verso est, ed intorno all’isola per Ayii Anaryiri e Aya paraskevi, dalla zona dietro la spiaggia cittadina, quattro o cinque corse al giorno.
  • In barca: i caicchi offrono servizi navetta stagionali, per le spiagge, o escursioni intorno all’isola
  • In bicicletta: Bike centre, tutti i giorni, dalle 10-15,30 e dalle 17,30 -22, si trova nella via dello shopping dietro gli hotel fronte mare
  • In scooter e moto: sempre dietro alla spiaggia cittadina, ci sono diversi scooter-noleggi.

Spetses città

Spetses cosa vedere

Come nell’isola di Hydra, le auto sono state bandite, ma le strade sono piu’ trafficate da scooter e motorini, è piu’ vivace della sua sorella Hydra, piena di negozietti bar e ristoranti. La sua storia, è ricca di prosperità e avventure mercantili durante il XVIII secolo, ed ebbe un ruolo importante nella storia della guerra d ‘indipendenza, che trasformò i suoi cittadini in aristocratici del Nuovo stato Greco. A parte lo shopping, il mangiare e bere, Spetses è un’isola molto bella, con case maestose e giardini sparsi nelle viuzze. Il porto, o Dapia è il centro della città, e la piazza principale si trova dietro ad esso. La spiaggia cittadina di Ayos Mamas, si trova ad est, e a pochi passi si trova il porto vecchio, vero centro focale della vita notturna dell’isola. A ovest c’è Lounoupitsa, qui si trovano semplici alloggi, piccole spiagge e taverne fronte mare, molto suggestive.

Casa di Bouboulina e Museo di Spetses

spetes porto vecchio

La casa di Boubolina, si trova 100 metri, dietro Dapia. Personaggio interessante questa Laskarina Boubolina, eroina locale. Una vedova che durante la guerra d’indipendenza, comandava una propria flotta navale, era anche famosa perchè seduceva i suoi amanti sotto la minaccia delle armi, ( un sistema alquanto efficace, suppongo). Fu uccisa nel 1825, dal padre di una ragazza compromessa dal figlio della Boubolina, non da un amante come si potrebbe supporre. La sua residenza, oggi è un museo privato. Durante la visita si può scoprire come spese gran parte della sua fortuna, in navi e uomini per la lotta per l’indipendenza. Nella sala principale, con uno splendido soffitto a travi, si può ammirare il modellino della sua nave ammiraglia : l’Agamennone

Il Museo locale di Spetses è ospitato in una delle dimore piu’ grandi della città, la residenza della famiglia Hatziyannis Mexis, nella zona orientale. Qui si trovano prue in legno della flotta rivoluzionaria, ed in un ossario le ossa della simpatica Bouboulina

le spiagge di Spetses

Spetses cosa vedere

Una singola strada asfaltata passa sopra la costa rocciosa, e permette di accedere alle spiagge in vari punti

  • Kaiki e Vrellos: kaiki o College beach, si trova a venti minuti, dalla città verso ovest. C’è un servizio navetta frequente, e si trovano servizi quali bar sdraio e ristoranti. Vrellos, è una piccola baia di ciottoli, in un’insenatura ricca di alberi. Grazie alla strada asfaltata, ed ad un cocktail bar, nei weekend è quasi sempre piena
  • Zoyerià: all’estremità occidentale dell’isola, si raggiunge tramite un sentiero, che parte dalla strada, e arriva su una spiaggia sabbiosa, con la grande e popolare taverna Loula. Si arriva piu’ facilmente con la barca.
  • Ayii Anaryiri: la spiaggia piu’ famosa e grande dell’isola. E’ una lunga baia riparata, in parte sabbiosa, con un pontone per tuffarsi al largo, windsurf, pedalò. Alla fine della spiaggia, dei gradini di cemento portano alla cava Beliris, una caverna poco profonda, è possibile entrarvi e nuotare tra le rocce
spetses spiaggia 2
  • Xylokeriza: si trova nella punta meridionale dell’isola, una lunga strada asfaltata porta all’insenatura di ciottoli. Non c’è sabbia ma è un luogo bellissimo, circondato da pini e palme, e raramente è affollato
  • Ayia Marina, o Paradise beach, a pochi passi dal confine orientale della città di Spetzes. Oltre alle sdraio si trova un ristorante famoso ed un centro di sport acquatici. Curiosità: da qui si vede l’isoletta off-limits di Spetsopoula, propietà privata degli eredi dell’armatore Stavros Niarchos

Dove mangiare a Spetses

Spetses cosa vedere

I prezzi sono simili a Hydra, cioè non proprio super convenienti, specialmente nei locali romantici del porto vecchio. Nei mesi estivi conviene prenotare. Akroyialia, sul lungomare, ha un’ambientazione meravigliosa, con tavoli a lume di candela sulla spiaggia, dove l’acqua lambisce i piedi. Anche Exedra ha un’incredibile location sul lungomare. in quasi tutti i ristoranti dell’isola si può degustare la moussakà, le costine di maiale al limone, il pesce: gamberoni, cozze, e tanto pesce alla griglia

Dove dormire a Spetses

Io ho dormito a Villa Christina, un alloggio restaurato da un vecchio edificio con due cortili, in una zona tranquilla. Vi sono camere e studios con cucina. Altrimenti potete vedere tutte le altre 132 strutture nel box

Altri articoli