Singapore cosa vedere

Singapore cosa vedere

una città trasformata

Non si addomesticano impunemente luoghi che si esprimono per mezzo del cobra e della tigre. I prati, il tennis, le banche non impediscono a Singapore di ansimare come il ventre di una bestia feroce vicino all’Equatore. È l’estremo limite dell’Asia. […]. Jean Cocteau

E’ la seconda volta che visito Singapore, e mi chiedo siamo in Asia?  La trovo irriconoscibile. Arrivo all’aeroporto,   che una volta sembrava una stazione per le corriere,e oggi sembra un orologio svizzero, ben lucidato, forse il piu’ bell’aeroprto che io abbia mai visto! Le avvisaglie che sarebbe diventata la “Svizzera d’oriente” c’erano anche anni fa. All’aeroprto c’era  una gigantrofia, del tipico ragazzo che poteva entrare nella città: era in giacca e cravatta, ben pettinato, così i turisti stanchi dal viaggio in aereo, si guardavamo l’uno con l’altro, un pò basiti, per vedere se erano in ordine, per passare la dogana.

Io provenivo da Bali, qui l’articolo

Tour di Bali , i suoi magnifici templi, Ubud

Thana lot
thana lot

Singapore oggi

La città che non gradiva gli hippies, gli alcolici, i divertimenti, ora è un tripudio di locali, negozi e ristoranti. Quando l’ho vista io era bruttina, ancora in costruzione, si diceva che dovesse sostituire Hong Kong, come città finanziaria, quando questa sarebbe  passata alla Cina. Oggi è una bella città che forse non pensa piu’ ad hong Kong, ma al suo business e lì di business ce n’è. E’ una  città ordinata , con una moderna architettura, e un enorme albergo carissimo, con tre torri e 55 piani è uno dei suoi simboli: il Marina Bay Sands E’ cara, almeno per gli standard orientali. Devo ancora decidere se mi piaceva di piu’ com’era prima.

Come arrivare a Singapore, dall’aeroporto

leggi di piu’

 

 Singapore come andare e come muoversi:

Noi siamo arrivati da Bali e siamo stati tre notti per ripartire poi con la Turkish airline della quale ho parlato nel mio artcolo Bali. All’aeroporto abbiamo preso un taxi, non è lontanao dal centro città ed abbiamo soggiornato in un Hotel in Beach Road in zona centrale. Per muoverci abbiamo usato il comodo ed economico Singapore tourist pass, potete guardare l’utile sito Singapore tourist pass e visit Singapore, tutti e due fatti molto bene. Qui c’è anche il sito del bus multifermate In Agosto era veramente molto caldo e umido, ma del resto è così tutto l’anno, quindi l’autobus con aria condizionata che si ferma in zone prestabilite, è stato molto comodo.

Visti: non è necessario il visto, solo passaporto con validità sei mesi

Clima: caldo e molto umido tutto l’anno

Trasporti: noi abbiamo usato il bus hop on hop off, è comodissimo scendi e risali quando vuoi, poi volendo ci sono uber, taxi ecc

Salute: nessun particolare problema, attenzione sempre all’acqua e ghiaccio

Sicurezza: la città è molto sicura, usare le solite precauzioni

Multe: Singapore da piu’ di 30 anni, fa una campagna contro l’imbrattamento delle strade, mi spiego meglio, essendo la maggioranza della popolazione cinese, ed essendo nella loro cultura una purificazione lo sputare per terra, a chiunque butti qualsivoglia cosa, sigarette, carte, ecc per la starda la multa è salatissima circa 500 euro.

Tour Singapore: primo giorno cosa vedere

Noi siamo arrivati il pomeriggio ed essendo il nostro hotel, vicino al Raffle hotel, siamo andati subito a visitarlo. Questo è l’hotel storico di Singapore, infatti Sir Raffle, è stato uno dei fondatori della città, per capirci:” l’uomo di Singapore” il telefilm. Questo hotel, aveva mantenuto la sua atmosfera d’altri tempi, ed era piacevolissimo andare al pomeriggio e bersi il vero te all’inglese. Quindi porto subito mio marito a vederlo, così ci prendiamo il tè, con il caldo, questa bevanda fa benissimo e toglie la sete. L’ho imparato in Africa. Purtroppo davanti c’è una fila di coreani lunghissima, si entra a scaglioni. No per carità mi sembra di essere al cinema. Proseguiamo e andando un po’ a zonzo e cercando il tè, ci rendiamo conto che questa città è cara. Veniamo dall’Indonesia, e tutto ci sembra piu’ costoso. Proseguiamo a piedi per Chinatownqui un tour.  Questa Chinatown asiatica è molto grande, e si diceva che qualunque male uno

raffle Hotel

avesse, qui poteva trovare la medicina giusta.  In effetti la medicina cinese è antichissima, e molte volte è risolutiva per alcuni disturbi. Qui vendono di tutto, pipistrelli essiccati, erbe di ogni tipo. Questo è un posto che mi piace molto, con tutti questi negozi che sembrano farmacie,e con i grandi vasi pieni di erbe medicinali, qui non è cambiato quasi niente.

chinatown Singapore

Secondo giorno: cosa vedere

il giorno dopo ci rechiamo a Marina bay per prendere il nostro bus multifermate. Marina bay, e stata costruita in maniera egregia, ed è molto bella  Di qui passa anche il gran premio cittadino di Singapore. C’è anche la grande ruota panoramica, sopraelevate, e l’enorme hotel 5 stelle “Marina Bay Sands” insomma, non manca niente. Saliamo e ci dirigiamo verso l‘orto botanico una delle

marina bay

principali attrazioni di Singapore. Quando arriviamo siamo in un oasi verde dentro la città, è bellissimo. Un percorso guidato  ti porta in stradine piene di cascatelle alberi esotici, orchidee. Qui ci sono mille tipi di orchidee, attenzione però non si possono portare in Italia, alla dogana vengono sequestrate. Nello shop dell’Orto, (caro anche questo), vendono dei barattolini sottovuoto, costosi, per piantare poi l’orchidea a casa.  Io ci ho provato ma non è cresciuto niente, forse voi sarete piu’ fortunati. Riprendiamo il bus per andare in Orchard road, la via degli acquisti.

orto botanico

In questo lungo viale ci sono enormi Ipermercati dove vendono di tutto, una volta era molto conveniente, adesso sinceramente no, forse qualche euro in meno rispetto all’Italia.Si può comperare un articolo tecnologico tipo tablet  che però ha una garanzia internazionale, quindi diversa dalla nostra,e bisogna fare attenzione, perchè si risparmia poco, questa via per me è troppo tipo “Milano”

Pomeriggio nel gran caldo di Singapore

Intanto il caldo aumenta, c’è un’afa insopportabile. Mangiam, e mettiamo alla prova le nostre coronarie.  Qui la cucina è chiaramente multietnica, si trova di tutto, ristoranti e bar molto puliti che offrono sia le specialità asiatiche che quelle giamaicane, argentine ecc. Col nostro superbus andiamo a Little India e al quartiere arabo, anche qui tutto abbastanza ordinato, c’è però una moltitudine di colori, tipica di questi quartieri. Torniamo in albergo perchè vogliamo vivere un pò

I locali notturni di Singapore

singapore

Singapore di notte è veramente bella, c’è di tutto, locali bar discoteche, happy hours per gli uomini incravattati che escono dagli uffici.

  • Boat Quai: il quartiere lungo il Singapore river, da sempre uno dei cuori pulsanti di Singapore. Oggi le barche che trasportano i turisti, un tempo si spingevano per prendere il posto per scaricare le loro merci. Tutti i locali chiudono alle due di notte. A Boat quay ci sono 35 ristoranti e locali, si può mangiare all’aria aperta e vi son piu’ di 200 negozi. L’aria è molto festaiola, famoso il  Clarke Quay Satay Club, Hawkers`Alley, dove si può mangiare all’aperto, e le 40 bancarelle di cianfriusaglie
  • Tanjong Pagar: questo quartiere che si raggiunge sempre con la MRT, è ricco di pub e locali dove si può ascoltare musica Jazz e rock
  • Orchard road/Marina area: in Orchard road si trova tutto, quindi anche molti locali e ristoranti di tutti i generi

Conclusioni

Tornerei a Singapore? Penso di no, ho visto tutto quello che mi interessava, è una città moderna, frizzante, io però la preferivo prima, piu’ decadente, piu’ orientale, ma con piu’ fascino. E’ questione di gusti però!!!

 Gli Hotel sono tutti abbastanza cari, noi abbiamo scelto il Park royal in the beach road, 4 stelle, è un albergo onesto, camere non molto grandi, ma la posizione è ottima

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Se hai visto tutto di Singapore vedendo Orchard road e non vedendo nemmeno un tempio beh… abbiamo interessi molto diversi.
    Se pensi di trovare lì la differenza di una città, paragonando i vari negozi di Gucci e Armani…

    1. Ti ringrazio per il commento, io ho parlato di Orchard road per quello che riguarda i negozi di tecnologia, Gucci e Armani non li ho neppure nominati e non ci sono neppure entrata, non è una visita che mi interessa. Comunque mi sembra di non avere parlato solo do Orchard road, alla quale ho dedicato circa due righe. Per quello che riguarda i templi, ne ho visti alcuni, e hai ragione, non ne ho parlato, ma mi hai dato un ottimo spunto per parlarne. Un saluto Anna

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.