San Juan de Portorico cosa vedere

San Juan de Portorico cosa vedere

Non il solito paradiso tropicale

San Juan isola dei caraibi, spiaggie bellissime ma non solo. Oggi ancora piu’ famosa per la canzone “Despacito”, io però lascerei perdere il tormentone, per guardare con altri occhi questa isola. E’ un’isola di contrasti. Baraccopoli e hotel di lusso, d’altronde perchè ci sono così tanti portoricani soprattutto a New York? La  polazione locale che deriva dagli indiani Taio, non è che se la passa così bene. Quindi possiamo vedere enormi parcheggi di altrettanti enormi supermercati, con lo sfondo delle baraccopoli. Portorico pur essendo fiero di essere indipendente da 4 secoli, è fortemente legato allo zio Sam. Oggi è uno stato del Commonwelth, che vorrebbe diventare uno stato federale indipendente. Per molti anni (come dice anche Lonley Planet) i turisti, hanno visitato solo le spiaggie e i casinò, oggi si comincia anche a guardare alle zone interne, con magnifche cittadine spagnoleggianti e dove tutto sembra essersi fermato. Vi è inoltre un mix di cultura creola, profondamente radicata, e quella degli hamburger, tutto questo rende quest’isola molto interessante, e diversa dalle solite mete da cartolina.

Come arrivare a Portorico:

si può arrivare a Portorico con una nave da crociera

Oppure con un volo



Il visto di ingresso è uguale a quello per gli Stati Uniti guardate il mio articolo sull‘ESTA

Norme sanitarie: Non sono obbligatorie vaccinazioni, non bevete ghiaccio e solo acqua chiusa e imbottigliata.

 

 

La capitale: san Juan

Portorico non è molto grande, è la piu’ piccola isola delle Grandi Antille, quindi si visita in poco tempo. Le autostrade sono belle, e si gira agevolmente. L’aeroporto Luis Munos Marin è vicinissimo alla capitale, e se si arriva in aereo si raggiunge in breve tempo la capitale, San Juan. La prima cosa da vedere è il centro storico, molto bello con le sue case azzurre, tutto in stile spagnolo. Bello camminare tra i vicoli stretti dell’ Old San Juan, oggi patrimonio dell’Unesco. Si procede poi per gli enormi bastioni della Fortaleza di San Phelipe el Moro, risalente al 16° secolo, alti sei piani sull’oceano da cui si può vedere tutta la vecchia San Juan, che gli spagnoli collegarono al castillo de San Cristobal. Oggi queste due fortezze sono gestite dall’agenzia federale Park Service, che

organizza molti eventi.

San Juan è da visitare a piedi, il suo aciotolato risale alle antiche navi spagnole, che usavano queste pietre come zavorra. Al centro vi è Plaza de san Josè con  la statua di bronzo di Ponce de Leon. Vi è poi Plaza de armas, piazza principale, e Plaza de Colon chiamata così in onore di Cristoforo Colombo. Piu’ interessante è il quartiere della Perla, uno sgangherato barrio, una volta asilo di schiavi senza tetto. Oggi si trova vicino ad una zona turistica, e quindi dovrebbe essere sgomberato, ma i suoi abitanti non vogliono andare via, ma rimanere nelle loro case, anche se fatiscenti.

Foresta nazionale el Yunque

Questa zona fa parte di quelle zone di cui ho parlato prima, che solo adesso cominciano ad essere visitate. Questa è la piu’ grande e forse unica foresta subtropicale degli USA. Si raggiunge in 45 minuti percorrendo la route A66, si arriva al centro rainforest di el Portal, poi col sentiero El Yunque, un pò impervio, si arriva sulla cima a 600 metri sul livello del mare, qui ci si potrà buttare nelle acque non troppo calde del Mina Falls. Anche senza bagno sarete ripagati da una natura splendida, con scorci stupendi e cascatelle d’acqua

Spiaggie di Portorico

Tutta l’isola, ha splendide spiagge, tra cui Spiaggia Luquillo, abbastanza tranquilla, con palme e splendido mare, e piena di choischi dove degustare la cucina locale. Ma le piu’ belle spiaggie sono nell’isoletta vicina: Culebra, vi arrivate dal terminal dei traghetti Fajardo. Qui vi sono spiaggie da sogno come Flamingo beach considerata una delle piu’ belle spiagge del mondo, e Carlo rosario beach dove è possibile vedere i Lamantini, e le tartarughe marine e immergersi nella barriera corallina. Quello che però io consiglio a Portorico, è di girarvela in macchina, e guardare la spiaggia che piu’ vi ispira, ce ne sono molte e alcune molto poco frequentate. Ritornando da qualche spiaggia non perdetevi il museo di Ponce, per l’appunto a Ponce, uno dei musei piu’ grandi dei Caraibi, con 4500 opere anche preraffaleite.

flamenco beach

Cosa mangiare a Portorico

Abbiamo detto prima, che la cucina è un pò un mix tra la cucina spagnola e quella americana. Da non perdere le empanadas, i pinchos, spiedini di carne ai ferri, e i bacalaitos patate e merluzzo fritto.

Hotel: I caraibi non sono molto economici, qui ci sono le offerte di Booking com



Booking.com


Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.