San Francisco cosa fare
San francisco

San Francisco, cosa vedere nella città piu’ europea degli States

San Francisco, se si va negli Usa è una di quelle città imperdibili. Si stima consti di circa 43 colline. E’ una città elegante, piena di charme,  e con una cultura alternativa. Piena di ristoranti caratteristici e unica nei suoi saliscendi, che rendono la sua caratteristica urbana unica. Si differenzia dalle altre città californiane, proprio per la cultura dei suoi abitanti, piu’ inclini all’approfondimento culturale che al surf. Quindi, per questo motivo è detta europea, e anche per le sue case in stile vittoriano e per quell’atmosfera un pò retrò che si respira attraverso le sue strade. Il panorama che si staglia sulla S.Francisco bay è magnifico.

Informazioni

Clima: al contrario di quanto si pensi a S.Francisco non è caldo neanche in Agosto, poichè vi sono molte correnti dall’oceano,  il periodo migliore per visitarla è in autunno, quando queste si affievoliscono.

Sicurezza: è una città dove prestare un pò piu’ d’attenzione, per noi vedere molti senza tetto che cercano il cibo nei cassonetti ci lascia un pò interdetti, anche perchè siamo nella “grande America”, però purtroppo è molto frequente. E il piu’ delle volte sono del tutto innocui, quindi  prestare attenzione soprattutto nel quartiere di Tenderloin, e negli altri le solite precauzioni.

Ristoranti: naturalmente anche qui c’è una vasta scelta come detto nel mio articolo consigli per l’America del Nord. Una volta qui non si può non assaggiare le linguine alle vongole, il chile relleno, piatto messicano. Un attenzione particolare per i bar panoramici: uno può essere il View lounge del “Marriott hotel” e per i cocktail bar: il Tony Niks a North beach: ha panche e tavoli in un ambiente” Rat Pack

Spostamenti: io l’ho girata molto con la macchina, e parte il primo impatto, quando sulle colline si vede il muso della macchina ad altezza occhi, non è difficile da girare. C’è comunque Uber, e poi i famosi e antichi “cable car” i tram gialli, da prendere sicuramente. C’è anche la San Francisco city card, ordinabile in internet che vi fa vedere le maggiori attrazioni, Qui c’è anche la possibilità del bus multifermate

Visita della città:Se avete 3 giorni va piu’ che bene:

Il primo giorno:

Potete fare la 49 “scene drive, la strada panoranica di 79 km che collega i distretti piu’ affascinanti, e i punti panoramici piu’ spettacolari. Percorrerla è facile, basta seguire i cartelli bianchi e blu coi gabbiani. Attenzione però alcuni sono nascosti dalla vegetazione. Potrete ammirare e fotografare dai vari vista point sul percorso.

Marina Green: il Golden Gate Bridge

Inaugurato nel Maggio del 1937, collega San Francisco a Marina Country, ed è il simbolo della città. Il “cancello d’oro” è’ lungo quasi 3,2 km, e il suo lavoro di manutenzione non ha mai fine. 1000 galloni di vernice ogni settimana. Uno dei punti migliori per osservare il ponte è il belvedere Fort point Lookout, all’estremità meridionale del ponte. Qui vi sono anche negozi di souvenir, ed una statua di Strauss, colui che progettò il ponte.

Ferry building

Una delle strutture architettoniche piu’ amate di san Francisco, la torre è il modello della Giralda di Siviglia, dopo la costruzione dei ponti fu relegato in secondo piano, ma fu poi ribatezzato Ferry building market place, ed oggi è un eccellente mercato agricolo, e nell’imbarcadero sono stati costruiti molti ristoranti anche di lusso. Da qui partono ancora i traghetti, uno dei modi migliori per visitare la baia. Non si può poi non parlare del
Bay Bridge:  Piu’ lungo e trafficato del Golden gate, è situato circa a metà della baia: un doppio ponte sospeso che porta a Yerva Buena island

il Coit Tower sopra North Beach che vanta splendidi murales, famosi a San Francisco. la Pagoda a cinque gradini a Japatown, e poi lo splendido panorama naturalistico di tutto il percorso.

Clicca sulla mappa per renderla interattiva

il secondo giorno:

andiamo nel Downtown di San Francisco:

Union square

Il cuore pulsante della città. Tutte le principali linee degli autobus e ferroviarie passano di qui. Qui vi sono gli hotel piu’ lussuosi, teatri, e musei. E’ anche il quartiere dello shopping, con giollerie e negozi griffati.

il Financial street, quartiere finanziario è la wall street del west, il centro finanziario della città. Di giorno è molto trafficato mentre alla sera diventa quasi deserto. Molti sono gli edifici con banche, ma agli appassionati di architettura interesserà la Bank of American building, il primo grattacielo nella città, realizzato col granito rosso del Sud Dakota.

Transamerica Pyramid. torre particolare, dove si può salire in cime per godersi il panorama.

Il San Francisco Museum of Modern Art, che vanta di 23000 opere d’arte. Una visita un pò piu’ lunga la merita la famosa:

Chinatown. La Chinatown gate, segna l’entrata del quartiere e la gente del posto fa la spesa a

Stockton Street, dove i marciapiedi brulicano di banchi di frutta e verdura. la Grand Avenue è la via principale che taglia il quartiere. Questa è la Chinatown piu’ interessante che abbia mai visto e sicuramente vale la pena di perdersi un pò di piu’ nelle sue viuzze interne. Fra Grand avenue e Stockton, c’è la coloratissima Waverly Place, meno turistica e ricca di case con balconi colorati, oppure Ross Alley, buia e misteriosa, amata dai cineasti, qui fu girato: “Grosso guaio a Chinatown”, un tempo ospitava case da gioco e di piacere. Portsmouth square è sempre affollata di giovani e anziani che giocano a scacchi o a dama.

chinatown

Pier 39: questo molo è un punto centrale per lo shopping, con negozi e bar e molti artisti di strada. Da qui si domina la baia e l’isola di

Alcatraz, che naturalmente si può visitare.  Dal 1933 al 1963 questa isola rocciosa ospitò la piu’ famosa prigione degli Stati Uniti. the Rock era considerata a prova di fuga, fino a che nel 1962 Frank Morris ed i fratelli Anglin non fuggirono, fuga resa famosa dal fim con Cliny Eastwood:” Fuga da Alcatraz”. Dopo la chiusura nel ’63 rimase in stato di abbandono per 6 anni. Fino a che con un sit in di 19 mesi  il popolo indiano ne rivendicò la propietà portando un’ondata di attivismo in tutto il paese. I traghetti della Blue & gold Fleet salpano dal Pier 41 di Fisgherman’s Wharf .

North beach, piena di ristoranti e locali jazz, qui cultura e tradizione sono tutte italiane. Ne ho parlato nel mio articolo: san Francisco e la sua musica. Vi è la Coloumbus tower, con cupola di rame verde, di Francis Ford Coppola, Il Vesuvio cafè, frquentato da Kerouac e Dylan Thomas, e la libreria City Lights Bookstore, divenuta famosa perchè pubblicò una poesia di Ginsberg: Howl, che fu subito censurata

Il Fisherman’s Warf: un pò trappola dei turisti, con un’atmosfera festaiola. Qui si trova l’acquatic park, con accesso pubblico al mare, il rinomato San Francisco matitime national Historic park, che illustra la storia marina della baia

Terzo giorno:

attraversamento del Golden Gate e visita al

Golden Gate park, tra i piu’ estesi parchi al mondo. Qui metto il link di una crociera nella baia. Riguardo ai parchi, gli Americani la sanno lunga. Sono tutti ordinati, puliti, e tutto, parcheggi, chioschi, sono ben inseriti nel paesaggio. Famoso qui è il

Japanese Tea Garden, raffinato giardino pieno di piante, la

California Academy of Sciences, col Morrison planetarium, con una sofisticata tecnologia. Da questi giardini si può vedere tutta la baia di san Francisco, spettacolare.

San Francisco è una città che offre tantissimo, cultura, panorami, negozi. In questo articolo ho parlato delle attrattive principali, ma ce ne sono tante altre e farò altri post su San Francisco


Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.