Reggio Emilia cosa vedere nella città di Zucchero e Vinicio Capossela

Sono circa 20 anni che vivo a Reggio Emilia, una città di grandi eccellenze culinarie, una città con una semplicità genuina, in un territorio storicamente agricolo. Offre una vasta gamma di eventi culturali in ogni momento dell’anno: balletti, concerti jazz, opera lirica. Una città di grandi lavoratori, che però non hanno perso il senso della comunità e del sano provincialismo. A Reggio Emilia, c’è poco da dire si vive bene, e si mangia ancor meglio. Reggio Emilia e provincia, hanno dato i natali a molti grandi artisti: Adelmo Fornaciari in arte Zucchero, originario di Roncocesi, un quartiere della città. Vinicio Capossela che, benchè, nato ad Hannover, si trasferì qui da piccolo e crebbe artisticamente nell’underground Reggiano. E poi, nella provincia: Ligabue, Orietta Berti, Iva zanicchi e Augusto Daolio, fondatore dei Nomadi. Puoi leggere anche il mio articolo su Correggio

Reggio Emilia la città del Tricolore

La nascita della nostra Bandiera Tricolore, si deve alla città di Reggio Emilia, dove nel 1797 fu fondata la Repubblica Cispadana, una tappa per la nascita dell’Italia. Ogni 7 Gennaio, si festeggia la festa del Tricolore, con eventi in Piazza Tricolore, ed al Teatro Valli. Non poteva mancare anche il museo dedicato alla nostra Bandiera: Il museo del Tricolore, allestito all’interno del palazzo del comune, con una collezione del periodo napoleonico, e del Risorgimento Italiano, ed una piu’ recente di arte contemporanea.

Reggio Emilia cosa vedere

piazza fontanesi 2

Si può dire che a Reggio emilia , diversi percorsi partano dalle principali piazze cittadine ad eccezione di Piazza Fontanesi, un pò piu’ defilata. Le altre, si raccolgono tutte intorno a Piazza Grande. Un possibile itinerario cittadino può partire da Piazza della “Vittoria”, la piu’ grande della città, per scendere tra le vie, fino a Piazza Fontanesi. Il percorso è abbastanza breve in quanto Reggio Emilia non è grande ed è molto “raccolta”.

Piazza della Vittoria

reggio emilia 2

Piazza della Vittoria, è collegata a Piazza Martiri del 7 Luglio, che deve il suo nome ai caduti della Prima guerra mondiale. Questa piazza ha avuto una bellissima riqualificazione urbanistica, e qui si trova il famoso teatro Valli, dove ballarono anche la Fracci e Nurejev. Ha una facciata in stile neoclassico, ornata da due colonnati, e fu inaugurato nel 1857. Lasciandosi alle spalle l’antico ghetto ebraico, e proseguendo verso Corso Garibaldi, si raggiunge una delle opere piu’ maestose di Reggio Emilia: la Basilica della Beata Vergine della Ghiara.

madonna della ghiara

Il Santuario, venne eretto, come celebrazione del miracolo di Marchino, del 1596, che sordomuto dalla nascita, pregando davanti a una delle immagini votive riacquistò la voce. La facciata ha elementi di ordine dorico e ionico, con arricchimenti barocchi. L’ingresso è costituito da tre portali, nell’elemento centrale, vi è in testa, un bassorilievo raffigurante la madonna della Ghiara. All’interno vi sono affreschi a opera degli artisti piu’ importanti del XVII secolo Reggiano.

Piazza Grande o Piazza Prampolini

reggio emilia duomo

Dalla madonna della Ghiara, si percorre corso Garibaldi, e girando in via Farini, dove c’è la famosa biblioteca Panizzi, da visitare, si raggiunge Piazza Grande, o Piazza Prampolini, che è la piazza principale della città. Qui si affacciano, il palazzo del Comune, la Fontana del Crostolo, la cui statua simboleggia il torrente del Crostolo, il Duomo, il palazzo vescovile ed il palazzo dei Canonici, da cui si apre il Broletto, passaggio che porta a Piazza piccola, o piazza San Prospero.

Piazza San prospero o Piazza piccola

piazza piccola

Questa Piazza deve il suo nome alla chiesa di San Prospero, patrono cittadino. E’ uno degli spazi piu’ caratteristici della città, animato da locali, forni storici, che circondano le bancarelle del mercato del Martedì e Venerdì. La basilica di San Prospero, è una delle piu’ antiche della città. Edificata prima dell’anno 1000 e consacrata da Gregorio V, sorge sui resti della regium romana. La facciata della chiesa in stile barocco, fu realizzata a metà del 1700 su disegno di Gian Battista Cattani. Sul sagrato sono presenti sei statue in marmo, di sei leoni realizzate nel 1504

Piazza del Monte

piazza del monte

Una piccola piazza di forma ovoidale, nel cuore del centro storico, luogo di passeggio degli Emiliani. Qui si trova il palazzo del Monte di Pietà, ed il palazzo del Capitano del Popolo, probabilmente il principale simbolo, che segna la trasformazione della città, dopo la caduta di Matilde di Canossa, nel 1115. Oggi il palazzo è sede del bellissimo Hotel Posta, Se vuoi puoi leggere il mio articolo su Matilde di Canossa e la storia dei liberi comuni

Stazione mediopadana e ponti di Calatrava

stazione mediopadana

A Reggio Emilia, vi sono anche esempi di architettura futuristica. L’archistar Spagnolo,naturalizzato Svizzero, Santiago Calatrava, ha realizzato la stazione dell’alta velocità, con onde e forme scintillanti, che staccano sulla pianura padana. Inoltre ha realizzato i tre ponti detti le” vele”, posti sull’autostrada A1. Se siete amanti dell’architettura, non potete perdervi questo museo a cielo aperto.

Cosa e dove mangiare a Reggio Emilia

parmigiano reggiano

Siamo nella patria del Parmigiano Reggiano, formaggio di fama mondiale, copiato in tutto il mondo. E poi ci sono, altre prelibatezze, come i tortelli di zucca, di erbette, i cappelletti, piccolissimi tortellini fatti rigorosamente a mano dalle “sdore” Reggiane, il famoso erbazzone, ed il gnocco fritto. I tortelli dolci, la zuppa inglese e come vino, il famoso Lambrusco. Qui si mangia bene. Dove? Ristoranti nel centro ce ne sono molti, tra cui: Caffè arti e mestieri, in via San Pietro, Il Pozzo, in via Antonio Allegri, Ristorante: A Mangiare, in viale Montegrappa

Dove dormire a Reggio Emilia

Fino ad alcuni anni fa c’erano poche strutture ricettive nella città, poi ne sono state costruite molte, quindi c’è una vasta scelta. Le Notarie e l’hotel Posta sono tra i piu’ famosi ed antichi hotel di Reggio Emilia, tutti gli altri 87, li potete trovare nel box sottostante

Altri articoli