Quarzazate e l’oasi di ait Benhaddou, il Marocco sospeso nel tempo

Il Marocco ci offre dei luoghi molto suggestivi e Quarzazate, con l’oasi di Ait Benhaddou ne fanno sicuramente parte ! Il Marocco che mi è piaciuto di piu’, piu’ della cotica Fez ed anche di Marrakesh. Sono posti che si riconoscono, perchè li abbiamo visti in molti film: Lawrence d’Arabia, Gesu’ di Nazareth, ed anche il Gladiatore. Noi l’oasi l’abbiamo vista al tramonto, e dopo avere attraversato il guado di un fiume in secca siamo arrivati nell’oasi e portati dalla guida sulla terrazza di una casa tipica. Qui ci ha raccontato molte cose riguardo il Marocco, ed anche cose sue personali, che lo preoccupavano, come il figlio che si stava pericolosamente avvicinando all’estremismo islamico! E’ stata un esperienza molto coinvolgente, vedere il tramonto, bere il tè e sentire lui che parlava. Probabilmente lo farà ogni settimana per i turisti, ma poco mi interessava, volevo solo godermi quel momento di pace e di bellezza. Altri articoli sul Marocco:

L’oasi di Ait Benhaddou

ait banhaddu e1563615220953

Fa parte delle oasi pre-sahariane, sulla strada che da Marrakesh porta a Quarzazate, a 32 km da questa. E’ tutta in mattoni crudi rossi, ed è tutelata dall’UNESCO. I colori verdi dei palmeti, staccano col colore rosso della Kasbah. Nella sponda opposta dell’Ouded Ounilla, ci si addentra nella Kasbah e sembra di essere soli, qualche negozio di alimentari, e qualche bancarella che vende tappeti. Gli abitanti sembrano essere scomparsi. Bisogna salire sui tetti delle case per vedere l’oasi in tutta la sua bellezza, e le  vedute sulla palmeraie, e la sconfinata Hammada: il deserto roccioso.

Quarzazate Marocco e l'oasi di ait Benhaddou

Quarzazate

quarzazatejpg e1563618727210

Quarzazate si trova in una posizione strategica, le popolazioni della valle dell’Atlantide, si sono incontrate per secoli nella kasbah di Taourirt, per discutere d’affari. Dopo gli anni ’50 l’industria cinematografica, cominciò gradualmente ad imporsi, e divenne location esotica per molti film ambientati in Tibet, Somalia ed Egitto. Oggi ha anche un’area residenziale, con alberghi e residence, ci sono molte agenzie che noleggiano motociclette e cammelli, ed è un punto di partenza per molte escursioni, in montagna , nelle gole e nel deserto.

Cerchi un hotel a Quarzazate? Guarda le offerte di Booking.com con le recensioni dei clienti: Booking.com Quarazazate

Cosa vedere a Quarzazate

Quarzazate Marocco e l'oasi di ait Benhaddou

Ka Kasbah di Taourirt, si è sottratta alla rovina perchè location di molti film come il” Te nel deserto”,” Il gladiatore” e “Prince of Persia”. Se si segue il dedalo di saloni e scale fino al piano superiore, si trova una sala di preghiera ornata con archi moreschi e un soffitto tatoui originale. Si può fare anche una passeggiata nel villaggio e trovare botteghe artigianali lungo le vie secondarie, e fare acquisti.

Atlas film corporation Studios

quarzazate finestra e1563618973768

Gli studi cinematografici, chiamati “Ouallywood” furono fondati da Mohammed  Belghimi nel 1983. Sono esposti i set e gli arredi scenici, dei film girati, e ogni 20- 40 minuti partono delle visite guidate. Comunque Quarzazate, non è solo un set cinematografico, ma un luogo con un’atmosfera bellissima un pò fuori dal tempo, poi c’è anche l’industria del cinema che ben farà al pil marocchino! Queste bellissime oasi e kasbah sono state l’antipasto per l’escursione nel deserto del Sahara, un’altra esperienza unica!

Piatti tipici marocchini

Quarzazate Marocco e l'oasi di ait Benhaddou

Chi non conosce il cous cous? Eppure, come altre pietanze, quando si mangiano nei luoghi di origine sono sempre piu’ buone! E’ un piatto di origina berbera, ed alla granella gialla, di solito vengono unite o sette verdure alla maniera di Casablanca, oppure agnello o pesce nei luoghi di mare. Di solito viene servito nella tajine, pentola di coccio con un camino superiore, che trattiene tutti gli umori delle pietanze. Poi altri piatti come l’insalata marocchina ed i dolci buonissimi e ipercalorici come il Msmmen, che assomiglia ad una crepe, e va mangiato caldo. Infine non si può non nominare il famoso tà alla menta, io in Marocco, ne ho bevuto tantissimo! Va bevuto caldo, come fanno loro, perchè così toglie la sete, è dolce ed ha un sapore squisito!

Altri articoli