Pura Tanah lot a Bali, il punto d’ incontro tra la terra ed il mare

Pura Tanah lot a Bali è forse il tempio piu’ famoso. Non si può infatti andare in quest’isola magica e spirituale e non vedere le albe, ed i tramonti da qui. La sua peculiarità, è che è situato su un isoletta a circa 100 metri dalla costa. Come indica il nome, il tempio si trova nella punta d’incontro tra la terra Tanah ed il mare Lot. E’ un tempio scenografico e in quanto tale, ci sono molti turisti con macchine fotografiche pronti ad immortalare i tramonti. Quando cala il sole, i santuari si stagliano sull’orizzonte infuocato creando una vista memorabile. Quindi per evitare la ressa che c’è in quasi tutto il periodo dell’anno, è meglio andare all’alba o prima del tramonto, per evere una migliore visuale. Secondo me è bello a tutte le ore, un colpo d’occhio incredibile, vedere le onde che si infrangono su questo tempio. Altri articoli su Bali

 

Il tempiobali tanah lot 2

All’isoletta si arriva solo a piedi con la bassa marea. Vi sono molte bancarelle di oggetti artigianali, souvenir e bibite che costituiscono il reddito per le donne i bambini della zona. Fino all’inizio del XX secolo, era solo un promontorio che è stato velocemente eroso dalla furia del mare. Le scogliere intorno alla zona, sono state rinforzate, con cemento armato, e per rompere le onde, sono stati messi in mare dei pilastri a treppiedi. Il sito del complesso è costellato, di santuari piu’piccoli, ed un parco naturale dove si svolgono spettacoli di tipica danza Balinese. Il tempio è situato a circa 20 Km da Kuta. E’ aperto tutti i giorni dalle 7 alle 19.

La leggenda

tanah lot tramonto

Dang Hyang Nirartha, sommo sacerdote nel regno di Majapahit, a Giava orientale, si recò nell’isola di Bali nel 1489 per diffondere l’Induismo. Arrivato nella zona creò un sito in onore di Baruna dio del mare. Fu però osteggiato dal capo del villaggio, che gli mise i fedeli  contro. Ma Nirartha resistette e spostò la grande roccia dove meditava in mare, trasformando i lati della roccia in due enormi serpenti marini. Gli furono così riconosciuti i suoi grandi poteri, ed il capo del villaggio si inchinò a lui. Prima di partire il sommo sacerdote regalò al capo villaggio un pugnale di kris, che oggi si trova nel palazzo reale di Kediri.

Tutte le strutture di Bali

 

Le caratteristiche di Tanah Lot

tanah lot serpente

Completamente restaurato, un terzo della roccia è stata aggiunta dall’uomo, con l’alta marea il tempio è irraggiungibile, mentre con la bassa marea , si possono raggiungere i leggendari serpenti marini, che si trovano vicino alla fontana di Tirta Pabersihan. Qui i sacerdoti benediscono i visitatori con l’acqua. Questa fonte  naturale produce acqua santa per tutti i templi della zona. Se si sorseggia l’acqua non è salata ma dolce. I templi sulla terra ferma, ospitano i pellegrini, durante l’alta marea, in particolare il tempio di Penyawang. Negli altri piccoli templi, vi sono sessioni di preghiera, per avere buoni raccolti di riso, per tutta la vita agraria e per l’ultimo passaggio dalla terra al cielo.

Tanah Lot è fiancheggiato da giardini tropicali, con aree di sosta dove si possono assaggiare le jaja kelepon , palline gelatinose ripiene di zucchero di palma e arrotolate nel cocco grattugiato.

bali surf

Vi sono grandi onde che si infrangono sulle rocce di Tanah Lot e molti fanno surf. Bisogna essere comunque nuotatori esperti, anche solo per fare il bagno, l’onda dell’oceano è insidiosa, questo lo posso dire con certezza, a me mi ha rovesciato completamente e non capivo piu’ dove era il fondo marino e dove riemergere, perdi completamente l’orientamento, non è una bella sensazione.

I piu’ interessanti tour di Bali

Dopo aver visitato Tanah Lot si può andare nel bellissimo palcoscenico naturale che è il parco di Surya Mandala, dove ogni sera al tramonto verso le 18,30 si tengono le danze col fuoco: il Kecak

Questo tempio è una delle dimostrazioni di quanto spirituale sia l’isola di Bali, ricca di leggende, miti e dei, a mio avviso non sono soltanto le spiagge ad essere belle, ma tutto il suo interno, con le risaie terrazzate, i templi, e per chi vuole coglierla tanta magia

 

Altri articoli