La valle della Loira ed il castello di Chenonceau

La valle della Loira e Chenonceau il castello delle nobildonne

La valle della Loira è una delle principali mete turistiche della Francia, e personalmente è un luogo che mi è piaciuto molto. Si può girare tranquillamente in auto, e se non è altissima stagione fermarsi dove piu’ ci piace senza dover fare tante prenotazioni. Un viaggio insomma, “on the road”, come piace a me. Io questo tour, l’ho fatto in Agosto senza prenotare niente, basta arrivare nelle città un pò prima delle 17,00, e qualcosa si trova sempre. Oppure se non volete rischiare, potete guardare qui sotto, ce ne sono tantissimi, basta mettere il luogo di interesse sulla sinistra o guardare sulla mappa, oppure consultarlo mentre siete in viaggio.

La valle della Loira

La valle della Loira è un posto magico, e se uno è un pò appasionato di storia medioevale come me, quì trovera tante cose interessanti. Si respira la storia, ed è un luogo che è stato pregno di tanti avvenimenti. Matrimoni reali, Re e regine, amanti dei re, che erano quasi piu’ importanti delle regine stesse, complotti, alleanze, trattati disattesi, e poi tanta arte, dipinti, statue, castelli da sogno, il tutto sulle rive della Loira, che ci offre albe e tramonti magnifici. La vita di corte durante il rinascimento francese, ebbe il suo culmine con il regno di Francesco I dal 1515 al 1547, un periodo ricco di fervore per le arti e per l’umanesimo. La corte si spostava tra i vari castelli, uno di questi è Amboise, se vuoi vedi il mio articolo:

Le giornate trascorrevano tra partite di caccia, falconeria, e le notti erano dedicate a feste, balli, musica, perlopiu’ italiana, poesia e appuntamenti amorosi. Ci sono diversi castelli nella Loira, tutti degni di una visita, qui metto la piantina coi castelli di maggior interesse

Clicca sulla mappa per renderla interattiva

Il castello di Chenonceau

Questo romantico castello fu realizzato per gradi, dal rinascimento in poi, da una serie di nobildonne. Si arriva tramite un viale alberato, che conduce agli armoniosi giardini, e ad una veduta che Flaubert definì: “sospesa tra aria e acqua”.  Il castello infatti è sospeso sopra il fiume Cher, e forma una galleria di 60 metri sostenuta da una serie di archi, facendo sì che questo si  rifletta sull’acqua. Le stanze all’interno sono finemente arredate, con arazzi e dipinti pregiati.

Le dame e la costruzione di Chenoncheu

In questo castello ognuna delle donne che l’ha abitato ha lasciato la sua impronta. Catherine de Briconnet, moglie del primo propietario costruì il padiglione turrito, e una delle prime scalinate diritte in Francia, Diane de Poiters, amante di Enrico II i giardini ed il ponte ad archi. Caterina de medici, forse una delle donne piu’ intriganti di questo periodo storico, trasformò il ponte in una galleria in stile italiano. Questa dama, moglie di Enrico II, era nota per i suoi complotti e la conoscenza dei veleni, lei stessa infatti portò alla corte di Francia, Nostradamus, suo grande alleato, negli intrighi di corte. Luisa di Lorena, moglie di enrico III, ne dipinse i soffitti di colore bianco e nero, i colori del lutto reale, e madam Dupin nel XVIII secolo salvò il castello dalla furia distruttiva dei rivoluzionari, e Madame Pelouze lo restaurò nel 1863.

Il castello

Al pianterreno vi sono quattro grandi sale che si affacciano sulla grande galleria, tutte decorate con arazzi fiamminghi. Al primo piano vi sono le stanze reali che comprendono quella di Caterina de medici. Vi è poi la cappella con soffitto a volta, pilastri scolpiti con foglie d’acanto e conchiglie, e con magnifiche vetrate, distrutte nella seconda guerra mondiale e poi ricostruite. Ci sono poi i giardini di Caterina, ancor oggi curatissimi, qui si tenevano banchetti e balli in maschera.

Il castello è aperto tutti i giorni dalle dalle 9 alle 19 con chiusure sporadiche. Si paga il bigietto di entrata, a questo sito si può acquistare il biglietto con ingresso prioritario. Si possono fare anche delle crociere fluviali sulla Senna e vedere il castello, per saperne di piu’ puoi guardare questa gita con getyourguide, io come ho detto in altri post l’ho provato personalmente e mi sento di consigliarlo.

Questa regione della Francia è giustamente famosa in tutto il mondo, penso che pochi ne siano rimasti delusi, e bisogna renedre atto ai francesi che il loro patrimonio artistico è molto ben  conservato. Alla prossima!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.