La Brooklyn multietnica e la sua musica

La Brooklyn multietnica e la sua musica

Continuiamo il viaggio nei sobborghi di New York, parlando del quartiere, ma anche dei suoi locali dove ascoltare buona musica. Brooklyn non è solo un “borough” ma ormai una piccola città. Non parlerò quindi solo del ponte e delle attrazioni, ma anche della musica, che per me è sempre stata una grande compagna di viaggio. Ho già fatto degli articoli su new york:

Per i visti e quant’altro è tutto spiegato nell’articolo new York, ma ora ho fatto una guida in pdf su tutti i visti del mondo, la puoi avere iscrivendoti alla mia newsletter

Brooklyn

Oggi Brooklyn è il quartiere piu’ cool, con le sue case coi mattoni rossi, una volta case operaie. Qui vi abitano Woody Allen, Anne Hathaway ed altri personaggi dello star system. Oggi conta 4 milioni di abitanti e da alcune riviste è annoverata tra le 10 città piu’ belle del pianeta. I suoi locali fanno tendenza e le migliori band vogliono esibirsi al di la dell’est river. Tra il 1920 e il 1980, questa città si era svuotata per mancanza di lavoro e gli operai erano andati via.  Fu chiamata così “crookling” la città dei ladri.  Oggi sta vivendo una nuova rinascita, con hotel di lusso e ristoranti e locali. Vi è il famoso birrificio: Brooklyn brewery, dove producono  birra artigianale, e fanno persino: l’ocktober fest. Anche chi ama lo shopping può essere accontentato: c’è l’immancabile Victoria street, Macy’s, ma anche negozietti Vintage.

Brooklyn, si pensa fosse abitata interamente da Italiani, Broccolino, ma ciò non è vero, vi erano anche molti operai irlandesi e una grande comunità ebraica. Oggi sono circa 456.000, molto ineressante il libro: Gli ebrei di New York, di Maurizio Molinari. In questa miscellanea di culture nasce quindi questo sobborgo, fatto da operai e immigrati, subirà la crisi del ’29 e la relativa disoccupazione e il lento degrado della città, per diventare oggi uno dei quarteri piu’ ambiti dove vivere. Anche questa è l’America.

Il ponte di Brooklyn

Questo ponte, famosissimo, è da attraversare a piedi. Si parte dal Municipio di new York   si fa  la bellissima passeggiata verso Brooklyn Heights Park, sono circa 2,3 km, ma ne vale la pena! Si può camminare piano e ammirare tutto l’est river e Manhatta che si allontana, scattare foto. Bellissimo farlo in verso contrario al tramonto, avrete la skyline di Manhattan col sole che scende!! E’ senz’altro una grande opera di ingegneria completata il 1883 e iniziata nel 1867. Le difficoltà e gli incidenti anche mortali furono diversi, e non fu per niente semplice la sua realizzazione, ma ancora oggi rimane uno dei simboli di New York, e forse degli Stati Uniti.

Cosa vedere a Brooklyn

Quando si arriva a Heights park c’è tutta la bellissima promenade, molto frequentata dai newyorkesi, anche quella da fare a piedi. questa zona è moto ambita e costosa e vi sono le bellissime case in mattoni rossi le Brownstones con vista Manhattan

  • park slope and prospect heights: due quartieri vicini, sempre caratterizzati dalle Brownstones house, nel primo vi sono elegani negozi, mentre il secondo è un pò piu’ alla mano, e si estende a fianco di Prospect park, qui si può trovare il Brooklyn museum, poco famoso, e il Brooklyn botanic garden, meno bello rispetto a quello di Manhattan
  • Downtown brooklyn: è il centro,  dove si possono trovare negozi, uffici e università.
  • Brooklyn flea: questo è da vedere per chi ama il mercato delle pulci, il piu’ grande di New York. Qui il sito ufficiale, così potete vedere gli eventi, i vari espositori e gli orari.

Locali a Brooklyn

  • Bargemusic: ubicato proprio sotto il ponte in Brooklin heights, posizionato sui barconi offre un ottima musica da camera e una splendida vista.
  • St mazie: solo musica Jazz ,come il Clover club, le Fanfare, tutti locali jazz
  • Quartiere di Williamsbourgh: è il quartiere hipster per eccellenza, un misto tra jazz e hip hop, vi sono tantissimi locali dove mangiare e ascoltare musica, forse un pò troppo modaiolo, con gente stravagante ed eccentrica.
  • The Amphitheater at Coney Island Boardwalk, inaugurato nel 2016, ospita grandi concerti ed eventi musicali, si trova nei pressi di Coney Island
  • The bell house: all’interno di un magazzino degli anni 20, ospita i migliori concerti indy rock qui il sito con gli eventi

Mi sono accorta che scrivendo questi articoli su new York , che non mi è mai piaciuta molto mi è tornata la voglia di andarci, spero che lo stesso sia successo anche a voi!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Questo articolo ha 2 commenti.

    1. Si è una città che non ho mai amto molto, ma adesso raccontandola, mi è quasi venuta voglia di tornarci. Ciao Ferruccio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.