Houston la città del Texas una sorpresa

Houston la città del texas, una sorpresa

Houston, ho messo questo titolo, perchè quando si cerca Houston, sui motori di ricerca, tutto viene fuori, fuorchè la città:” Houston abbiamo un probelma”, Jhon Houston, l’attore ecc. si pensa che Houston sia una città fuori da ogni meta turistica, invece è la decima città piu’ visitata degli States e a me è piaciuta. Dicono che quando vai a Houston piangi quando arrivi e piangi quando parti, e secondo me è vero. Quando sono arrivata ho pensato: che cavolo ci faccio qui? E invece conoscendola meglio ho scoperto il suo fascino. E’ situata sul golfo del Messico, ed ha vari soprannomi: Space City, qui infatti ha sede la Nasa, e Huston fu la prima parola detta da Armstrong, quando atterrò sulla luna, o Bayou city, per i piccoli canali che l’attraversano. Essenzialmente è una città petrolifera, ed ha poca storia, come del resto tutti gli Stati Uniti.

Come arrivare a Houston

Se siete in macchina nessun problema Houston ha delle strade che si irradiano in tutte le direzioni. Se arrivate in aereo atterrerete al George Bush international airport, i servizi per il downtown sono molto limitati, come del resto in molte parti degli states, e quindi conviene noleggiare un auto. Altrimenti c’è un servizio d’autobus che però è abbastanza limitato. Vi sono le navette della e-z rentacar, servizio indipendente, e la sua navetta passa dal Rental car Centre.

Clima, quando andare

Il periodo migiore per andare è l’inverno e  la primavera, quando non è ancora molto caldo, e finiscono le pioggie, in aprile ci sono importanti festival. In estate è molto caldo, e verso Agosto possono cominciare i tifoni.

Dove dormire

Ad Houston si trova un pò di tutto, l’ideale sarebbe dormire “downtown” ad un piano alto per vedere la stupenda skyline. Io ero all‘Hyatt regency Houston nel cuore della città, bellissimo hotel.



Booking.com

Cosa vedere e cosa fare a Houston

Houston si trova in uno dei piu’ grandi stati degli States, il Texas, luogo un tempo inospitale, dove c’erano solo pozzi di petrolio. La prima cosa che ho voluto vedere è stato

  • Il centro spaziale della nasa, Space center: Io mi ricordo, anche se ero piccola, lo sbarco sulla luna. Fu un evento epocale, anche se oggi alcuni dicono che fu tutta una finzione con la regia di Kubrick. Questo è situato a 40 km da Houston. E’ una visita molto interessante, nello Starship Gallery Artifact Museum, puoi toccare una roccia lunare, o salire su un simulatore per provare cosa si provi ad essere su un satellite in orbita, vi sono schermi interattivi, e mostre progettate dalla Disney engeneering. La visita dura circa sei ore. Qui un tour
  • Shopping: lil posto migliore è la houston gallery, qui si può trovare di tutto, è un enorme centro commerciale, ed i prezzi sono abbastanza buoni.
  • Museum of fine arts: Il biglietto costa 15 dollari e all’interno vi sono piu’ di 62000 opere d’arte, è uno dei piu’ grandi musei degli Stati Uniti, la visita richiede mezza giornata.

 

  • Il polmone verde di Houston: Discovery park, con sculture ultra moderne, piu’ a sud l‘Hermann park, uno dei piu’ antichi della città, e il japanese park, con all’interno lo zoo.

 

 

  • I tunnel sotterranei: Houston è piena di tunnel sotterranei dove ci sono locali, food courts, molto frequentati dalla poplazione locale
  • I grattacieli: bisogna assolutamente andarci, per vedere la skyline. Uno dei piu’ famosi è il jP Morgan Chase Tower: con i suoi 305 metri di altezza, dall’alto è una meraviglia
  • la notte: io non sono una nottambula, ma questi sanno davvero divertirsi. Vi sono locali multisala, dove si può bere, ballare la musica country, giocare, e vedere anche sfilare delle bellissime donne. Inoltre a chi ama la musica jazz vi è una vasta serie di locali uno meglio dell’altro qui metto il sito in inglese dei migliori locali a Houston

 

Io consiglio oltre la musica jazz di vedere un locale con musica Country, qui c’è una grossa tradizione di questo genere di musica, la sua patria è Nashville nel Tenessee, ma anche qui ha molti fans, lasciatevi trasportare dalla musica e ballate con loro, il divertimanto è assicurato.

Conclusioni

Ho pianto quando sono andata via? No però mi sono ricreduta su questa bella e moderna città del futuro. Mi è piciuta la gente, la notte soprattutto, i parchi, bellissimi in una terra che una volta era tutto deserto.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.