Honfleur cosa vedere nel vecchio porto della Normandia

Questo è un altro articolo del  tour de France in auto. Meno male? Ma noo dai!! In fin dei conti è stata una bella passeggiata! Da Lorient siamo arrivati a Honfleur passando per Mont Saint Michel, del quale ho fatto un articolo. Honfleur, è il porto vecchio meglio conservato della Normandia, un’incantevole cittadina sul mare, alla quale manca solo la spiaggia. Ce n’era una, ma col tempo, il limo, depositato dalla Senna, ha provocato il ritiro del mare,  lasciando in secca le case settecentesche, sul lungomare del boulavard. Tutti coloro che hanno visitato questo paese, compresi noi, ne sono rimasti entusiasti, rapperesenta la Francia che piu’ amo. Altri articoli sulla Francia

 

Il clima ad Honfleur

I mesi migliori per visitare Honfleur, sono da Giugno a Settembre. Gennaio e Febbraio sono freddi, ed i mesi piu’ piovosi sono: Gennaio, Ottobre, Novembre e Dicembre. Se avete in programma un viaggio in Normandia potete vedere il meteo nel box

Meteo ad Honfleur

Come arrivare ad Honfleur

honfleur e1580554624446

Clicca sulla mappa per renderla interattiva

Noi siamo arrivati in auto, puoi vedere il percorso nella mappa. Honfleur è servita tutti i giorni, da piu’ di una dozzina di pullman, diretti e provenienti da Cean, e  una dozzina di pullman arrivano da Le Havre. La gare SNFC  piu’ vicina, è invece a Pont l’Eveque, collegata ad Honfleur da Pullman, con una corsa di circa 20 minuti.

Honfleur cosa vedere

honfleur 2

Questo è un vero gioiellino della Normandia. Bellissimo il suo porto vecchio, con il suo odore tipico, che emanano i pescherecci, quando arrivano alla  mattina presto dalla pesca, che è ancora in attività. Il pesce è in genere venduto, direttamente sulle barche da pesca, o nelle bancarelle sul molo, tuttora gestite di diritto, dalle mogli dei pescatori. Honfleur è estremamente pittoresca, ed è diventata ancor piu’ ricercata, quando nel 1985, è stato costruito, il nuovo , grand pont de Normandie, sull’estuario della Senna. Attraversarlo, costa 5 Euro solo l’andata. Il villaggio dei pescatori attirò verso la metà dell’800, un gran numero di artisti tra cui Eugene Boudin, maestro di Monet e Cezanne.

La città di Honfluer

honfleur-cosa-vedere

L’antico centro si estende intorno a Vieux Bassin, il vecchio porto, circondato da caratteristiche case dalle facciate in ardesia, alte e strette, che si armonizzano bene, nonostante le forme sconnesse e diseguali, creando uno sfondo che è superato in bellezza solo dalla Lieuteance, all’entrata del porto. Questa era la residenza del luogotenente del re, ed è la porta d’accesso interna, sin da quando, Champlein, salpò da Honfleur, per fondare Quebec nel 1608. La chiesa di Saint Etienne, sul lato orientale del bassin, ospita il Musee de la Marine, che combina una collezione di modellini di navi, e sale piene di antichi mobili Normanni.

Vicino alla chiesa in rue de la Prison, l’ex prigione, ospita 10 sale di manufatti della vecchia città. Alle spalle due ex magazzini del sale del 600, che ora fungono da spazi espositivi

Passato artitistico di Honfleur

La sua attuale concentrazione di  gallerie e pittori, si deve molto ad Eugene Boudin, precursore dell’impressionismo. Boudin nacque ad Honfleur, nel 1824, e dipinse tutta la vita. Ebbe tra i suoi allievi il diciottenne Monet, Renoir e Cezanne. Boudin, fu uno dei fondatori dell’attuale museo Eugene Boudin. Le sue marine disegnate a carboncino, sono particolarmente affascinanti, ed alcune sono avvicinate a fotografie di medesimi oggetti dell’800. Aperture: metà marzo-Settembre tutti i giorni eccetto il martedì 19-12, 14-18 Ottobre-metà Marzo: Lun-mer-ven 14,30-17,00 sab e Dom 10-12 e 14,30-17,00

La chiesa di Saint-Catherine

honfleur chiesa

Questa chiesa, col suo caratteristico campanile, separato, è l’edificio piu’ notevole della città, molto amato da Monet. Fu costruita, quasi interamente in legno, durante la guerra dei cent’anni. Oggi tutti gli elementi in legno sono esposti alla vista, dopo essere stati rivestiti di intonaco bianco nell’Ottocento. I disegni delle piastrelle decorative, sono tutti diversi, gli uni dagl’altri, e raffigurano simboli cristiani. Tutto l’insieme rappresenta una novità rispetto le antiche chiese Normanne in pietra, ed una ulteriore particolarità è la divisione in due navate gemelle, con un’unica balconata che corre intorno ad entrambi.

Les Maison Satie

honfleur-cosa-vedere

La casa in legno rosso di Erik Satie. L’esterno sembra immutato dai tempi, in cui il compositore vi nacque, nel 1866. Internamente invece è stata trasformata in un sorprendente museo, in quanto simpatizzante del movimento surrealista. All’entrata si viene accolti, da una pera alata gigante, che si libra nell’aria, sulle note del piu’ celebre brano per pianoforte di Satie: Gymnopedies.  Si dice, che il brano rappresenti l’anima di Satie, mentre abbandona il corpo dopo la morte, avvenuta a Parigi il 1° Luglio del 1925

Cosa mangiare e bere a Honfleur

Honfleur vanta tantissimi ristoranti, ovviamente specializzati in pesce e frutti di mare. Una delle specialità disponibile in Ottobre e Novembre sono le Crevette gries, minuscoli gamberetti, mangiati con un tipico pane senza sale. Se volete comperarvi qualcosa da mangiare, potete andare alla Paneterie, una boulangerie, che vende pane integrale.

Dove dormire ad Honfleur

Io ho dormito allIbis Budget Honfleur centre, ha le sue tipiche stanze piccole, ma è economico, ed a soli 750 metri dal museo Boudin. Poi ci sono molte altre strutture che potete consutare nel box sottostante

Tutte le strutture ad Honfleur

Altri articoli