Helsinky cosa vedere

Helsinky cosa vedere nella capitale chiamata:”figlia del Baltico”

Helsinky, la capitale piu’ a nord dell’Unione europea, una meta turistica abbastanza nuova, ed una città moderna, con lo stile funzionalista di Alvar Aalto. Oggi è dunque indiscussa capitale del design, nel design disctrict, un intero quartiere dove si trovano laboratori e negozi di giovani emergenti, boutique d’alta moda e gallerie d’arte contemporanee. inoltre la sua natura la rende ancora piu’ ineressante, con le centinaia di isole che la circondano, non per niente è chiamata “figlia del Baltico”. D’estate si fa il bagno e d’inverno si pattina sul ghiaccio. Helsinky ha dato i natali a Linus Benedict Torvalds, a molti questo nome non dirà niente, ma questo genio informatico è l’anti Bill Gates, l’inventore del sistema Linux. La sua fu quasi una filosofia, quella cioè che qualsiasi programmatore poteva mettere le mani nel codice sorgente, di solito blindato, e modificarlo a suo piacimento. Questa fu una piccola rivoluzione. L’unione Europea ha inoltre classificato Helsinky, al primo posto nel turismo smart; ha valutato accessibilità, sostenibilità, digitalizzazione del patrimonio culturale e creatività

Come arrivare a Helsinky

Le indicazioni su come arrivare in Finlandia le trovate nel mio articolo Finlandia

Come muoversi ad Helsinky

Dall’aeroporto Vantaa: Navetta Finnair, collega l’aeroporto al centro. Partenze ogni 20 minuti, dalle 5 del mattino all’una di notte. costo 6 euro

Autobus: linea 615 ogni 35 minuti costo 4 euro.

In città: metropolitana, questo è il sito dove ci sono i percorsi e i prezzi, Tram, comodissimo e molto efficente, qui il sito

I trasporti ad Helsinky sono piuttosto cari e come nelle altri capitali conviene fare la Helsinky card

Cosa vedere a Helsinky

Helsinky è una città moderna, con tante cose da vedere quindi ho fatto l’itinerario in tre giorni:

Giorno 1

Piazza del Senato:

Grandiosa piazza, in stile neoclassico finlandese, circondata da splendidi palazzi, palazzo del governo, l’università, e la cattedrale di San Nicola, un imponente costruzione neo classica rifinita in marmo e dedicata al santo, patrono dei naviganti

Poi si prosegue per il mercato, dove si possono trovare specialità gastronomiche e souvenir, si può ammirare anche la fontana di bronzo, simbolo della città. Al pomeriggio si attravesrsa il Parco Esplanadi, ex residenza dello zar, e cattedrale Uspensky, la piu’ grande chiesa bizantina ortodossa dell’Europa del Nord. Con le sue cupole a cipolla richiama l’influenza archittetonica russa.

Alla sera un aperitivo in uno dei luoghi piu’ rinomati della città Cocktail lounge 21, suonate il campanello alla porta.

Giorno 2

In piazza del mercato si prende il traghetto per Suomenlinna, e in 15- 20 mnuti arrivate nel piu’ grande museo all’aperto, con caffè e ristoranti. Il museo racconta la storia dell’isola dal settecento ad oggi. Inoltre si può ammirare il sommergibile della seconda guerra mondiale  e l’ingresso: porta del re.

 

Al pomeriggio lo shopping con il centro commerciale Kamppi, e la visita al museo d’arte contemporanea Kiasma con arte finlandese, baltica e russa, infine la chiesa del tempio, scavata nella roccia con una splendida acustica. La cena si può fare da Nokka, ristorante a km zero.

Giorno 3

Nella zona nord della città, il museo galleria Arabia, per gi appassionati di design, ed il museo della tecnica. Al pomeriggio un altro museo all’aperto: l’isola di Seurasaari, a 15 mnuti di autobus dal centro.

E’ uno dei posti preferiti dai Finlandesi, qui vi sono infatti stili rurali finlandesi dal XVIII al XX secolo. Interessante anche la chiesa in legno, e durante la stagione estiva vengono organizzate mostre sulle tradizionali lavorazioni dell’epoca, con danze popolari. La sera cena da Esplanadi da kappel, storico ristorante, con stile un pò retrò.

Hotel a helsinky

Questa città non è economica, bisogna prenotare per tempo, metto quindi la map di Booking.com


Booking.com

Questa è una città del nord che probabilmente avrà un grande turismo, è davvero una città “smart”, ricca di verde, musei e tante altre cose da vedere. unica nota dolente, come tutto il nord è cara, i loro stipendi sono molto piu’ alti dei nostri. Da una città filorussa, non allineata, oggi troviamo una città moderna che investe nel turismo, perchè il turismo crea PIL e loro l’hanno capito!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.