Granada e l’Alhambra l’ultima fortezza islamica

Granada e l’Alhambra, un posto imperdibile dell’Andalusia, con un edificio imbevuto di un’aurea esotica, un posto ricco di storia con un edificio stravagante che fu oggetto di guerre, una fortezza che tutti volevano e nessuno era disposto a perdere. Questa Alhambra, ci ricorda grandi personaggi medioevali, Isabella di Castiglia, suo marito Ferdinando e anche Cristoforo Colombo che soggiornò qui e, forse proprio qui, gli furono date dagli arabi le coordinate giuste per le Indie. Tutti coloro che amano la storia ed i viaggi, se sono in Andalusia, qui alla fine devono venire. Un luogo indescrivibile che tanto mi è piaciuto quanto  mi è difficile descriverlo ma ci proverò, andiamo quindi a Granada!

Come arrivare a Granada

Aereo

L’aeroporto di Granada si trova a 17 km dal centro e di solito i voli piu’ convenienti sono con la Vueling, inutile dire che bisogna prenotarli in anticipo.

Dall’aeroporto, per il centro vi sono solo autobus e taxi. Gli autobus partono dalle 7,50 alle 19,30. Un Euro a corsa.  Oppure ci sono i taxi, costo medio per il centro città 17 euro.

Treno:

Si può partire da Madrid ci sono varie tipologie di treno dall’alta velocità al locale, chiaramente cambia il prezzo. Ci sono tutte le tipologie di treni e anche autobus. La stazione è in pieno centro a Granada

Come muoversi a Granada

granada panorama.2jpg e1557830916159

Granada ha un efficiente linea di autobus riconoscibili, di colore rosso. Una corsa costa 1 euro mentre l’abbonamento 5,42 Euro. Per l‘Alhambra, il bus è il numero 32, o il 30, Destination Alhambra,  il 31 all’Albaicin, e per le vie dello shopping il numero 3: Granvia. Altrimenti potete usare il comodo Hop on off.

Cosa vedere a Granada

granada alhambra 2 e1557831082889

Chiaramente una delle attrazioni maggiori è il palazzo dell’Alhambra, sulla cima di una collina, ma anche il labirintico Albayzin, l’antico quartiere arabo. Inoltre Granada vanta un’animata vita notturna, con ottimi bar e ristoranti. E’ abitata anche da studenti spagnoli e stranieri ed ha una ricca vita culturale.

Tutti gli hotel a Granada

Tutte le strutture a Granada

La storia di Granada

alhambra2 e1557831330367

La storia di Granada è complessa, una città per molti anni contesa, e che subì lunghi  assedi. Dopo la caduta di Cordoba, 1236, e di Siviglia 1248, i Musulmani cercarono rifugio a Granada, dove fondarono un emirato indipendente, che spaziava dallo Stretto di Gibilterra sino a est di Almeria: emirato Nasride. Si cominciò così, la costruzione della sontuosa Alhambra. I sovrani Nasridi regnarono per 250 anni. Ma verso la fine del XV secolo, questo paradiso cominciò il suo declino a causa di lotte intestine per la successione. Nel 1842 Boabdil si ribellò e diede l’inizio ad una confusa guerra civile.

L’astuta Isabella di Castiglia e suo marito Ferdinando ne approfittarono ponendo la città sotto un lungo assedio, alla fine Boabdil concordò la resa, facendosi promettere la libertà religiosa e politica per i suoi sudditi. Ma così non fu Isabella e Ferdinando, soprattutto Ferdinando, che regnarono qui per lunghi anni, espulsero gli ebrei dalla Spagna, e perseguitarono i Mussulmani. Ne seguì un lungo declino che terminò intorno al 1830, grazie la movimento romantico, che valorizzò il patrimonio culturale islamico. Nel 1936 i nazionalisti si impadronirono di Granada e circa 4000 Granadinos, oppositori del regime, furono uccisi, tra i quali anche il grande Federico Garcia Lorca. un’altra città vicina sul mare è:

L’Alhambra

granada e l'halambra

l’Alhambra con le sue mura e torri rosse, e lo sfondo spesso innevato della Sierra Nevada è un sogno. Anche il viaggiatore piu’ smaliziato non potrà rimanere insensibile ai palazzi ed ai giardini del Generalife. Le canalizzazioni d’acqua, sembrano una scultura moderna, ed il suono distoglie dai rumori della città. E’ un’esperienza suggestiva e emozionante. Patrimonio dell’Unesco, ha ogni anno migliaia di visitatori, per cui è meglio andare la mattina presto o al pomeriggio o alla notte nel palazzo Nazaries. Ogni giorno sono disponibili 6000 biglietti, quindi consiglio caldamente di prenotarli prima

Prenotazioni per visita all’Alahambra

Alcazaba:Tutto ciò che resta della cittadella sono i bastioni e diverse torri, per uno splendido panorama si può salire sulla torre della vela. Ma il vero gioiello è il palazzo Nazaries, la piu’ bella costruzione islamica d’Europa. I suoi cortili, i muri decorati con splendidi rivestimenti in piasterelle dagli smalti colorati,soffitti in legno intagliato. Si entra dal Mexuar, camera di consiglio, e da lì nel patio del

Cuarto Dorado: un cortile dove gli emiri concedevano udienza, sulla sinistra del quale si trova il Cuarto Dorado(camera d’oro) e di fronte c’è l’ingresso del

Palacio de comares: la residenza privata del regnante, costruito intorno all’incantevole

patio de los Arraynes: dove si trova una vasca rettangolare. All’interno della torre de Comares, la torre settentrionale, vi è la sala della barca, con l’incredibile soffitto in legno a forma di conchiglia rovesciata, conduce al:

salon de Comares: dove sembra che gli emiri abbiano svolto i negoziati con i sovrani cattolici. Il soffitto è costituito da 8000 frammenti di legno, a comporre un disegno di stelle tipicamente arabo: i sette cieli dell’Islam. Dal patio de los Arrianes si giunge al

patio de los Leones: secondo gli studiosi forse usato come harem. Qui vi è una fontana dove l’acqua sbocca dalla bocca di 12 leoni in marmo.

sala delle due sorelle: una delle piu’ belle sale del palazzo da vedere assolutamente.

Stanza dell’imperatore: la stanza che ospitò Carlo V, durante le sue visite, con la toelette della regina, ed un cortile: il parco dei cipressi

palacio de Carlo V: immenso palazzo rinascimentale eretto nel 1527, con un cortile di 32 colonne, che un pò sfigura all’ombra dell’Alhambra

Generalife

Granada e L'halambra

Questo termine significa giardino dell’architetto, e qui in mezzo a sentieri, vasche , fontane, alberi e fiori di ogni stagione si conclude la visita. Famosa è la lunga vasca circondata da aiuole e fontane, con il palazzo del Generalife: una meraviglia! Camminando si raggiunge il cortile dell’Acequia, con i suoi incredibili giochi d’acqua.

Altri articoli