Giappone: Tokyo cosa vedere

Giappone: Tokyo  cosa vedere, il viaggio di Andrea e Elena

Questo è il racconto del mio amico, Andrea, e la sua fidanzata Elena, grandi viaggiatori, che mi hanno fatto l’onore di raccontarmi il loro  viaggio in Giappone, organizzato in piena autonomia. Leggetelo, vi porteremo da Tokyo a Kyoto, ad Hiroshima ed alle splendide spiaggie di Okinawa. Un consiglio di Andrea è di fermarsi non piu’ di tre giorni per ogni città, Okinawa un giorno, in modo da rimanere dentro ai 15 giorni, dell’abbonamento Japan Rail Pass, del quale parlerò dopo.

Il Giappone non è solo una meta turistica dove vedere monumenti e quant’altro, ma anche la scoperta di una cultura completamente diversa dalla nostra, che a volte può lasciarci spiazzati. Noi infatti non siamo abituati alla loro gentilezza, che a volte, ci può sembrare persino eccessiva. Questo però fa parte della loro cultura, che contempla il rispetto, la compassione, tutte cose alle quali noi non siamo piu’ abituati!

Divideremo questo racconto in vari articoli: questo è il primo, con informazioni generali e la città di Tokyo, poi parleremo di kyoto, Okinawa, con il mare e Hiroshima

 

Consigli utili:

Aereo: lui ha volato con Alitalia, che ha un volo diretto da Milano

visto: è sufficiente solo il passaporto con validità sei mesi

valuta: lo yen

Clima: in estate è caldissimo, comunque qui metto il link di tutte le temperature dell’anno in Giappone

vaccinazioni obbligatorie: nessuna

spostamenti: per gli spostamenti lui ha usato con grande soddisfazione il treno: japan rail pass, costo 15 giorni 356 euro. Anche se non molto economico, è la maniera piu’ comoda ed efficiente per visitare questo paese. Si può acquistare solo fuori dal Giappone ed è fatta unicamente per i turisti. L’acquisto in internet è la cosa migliore.

Invece per arrivare ad Okinawa Andrea ha preso un volo interno con la compagnia aerea VANILLA AIR ( Narita,Tokyo -> Naha,Okinawa)

Arrivare a tokyo dall’aeroporto. L’aeroporto è il Narita a 60 km da Tokyo, si sconsiglia l’uso del taxi, se siete in possesso della Japan rail pass, il Narita express è compreso, ma essendo i posti prenotati, bisogna prendere il biglietto allo sportello o alle macchinette. Ci impiega circa 1 ora e mezza e parte ogni 30 e 60 minuti. Qui il sito del Narita express, con orari e piantine dei vari terminal

Lingua: giapponese, i giapponesi parlano molto poco l’inglese, ma sono molto gentili nel dare informazioni, fino allo sfinimento.

Hotel: prenotati giorno per giorno, nella catena Apa hotel e resort

Cestini: per la strada non ce ne sono, quindi attrezzatevi per la vostra immondizia! Andrea consiglia di metterla negli zainetti, e poi gettarla, appena ne trovate uno.

Costo della vita: piu’ o meno come da noi, poi dipende dalle struttre dove si alloggia, e dai ristoranti, Andrea spesso ha mangiato al Seven Eleven

Telefono: Nel sito della japan rail pass, si può acquistare la sim card per il giappone oppure la prendete direttamente all’aeroporto

Carta prepagata Suica: questa carta vi sarà molto utile per la metro, è una carta ricaricabile, che vi servirà nella metro, trasporti e piccoli acquisti. Qui il sito con il video esplicativo

Sicurezza: Il giappone è un paese molto tranquillo, non vi sono pericoli, anzi!

Queste sono le mappe con i cuoricini che segnalano i luoghi dove è andato Andrea

Tokyo informazioni


 

Il quartiere migliore per alloggiare è quello di Shibuia, Apa hotel Shibuia per girare si può usare la metro.

Andrea e Elena a Shibuya adoravano girare a piedi a cercare sempre qualcosa di nuovo che potesse catturare la loro attenzione. Nel quartiere di Shibuya Andrea consiglia il negozio d’abbigliamento SHIBUYA 109 e SHIBUYA 109 MAN per lo shopping sfrenato in due palazzi a otto piani, i ristorantini di sushi come Uobei Sushi-Genki Sushi.

la Metro a Tokyo

Qui metto la mappa della metro di Tokio in pdf. Girare per Tokio con la Metro può sembrare complicato, ma Andrea ha usato un sistema molto intelligente. Con l’applicazione google maps nello samrtphone, mettendo i cuoricini nelle destinazioni, gli compariva il percorso metro, e quindi non poteva sbagliare. La Tokio metro line gestisce 9 delle 13 linee ed è caratterizzata da una M bianca su sfondo azzurro. Le restanti 4 linee le gestisce la Toel, simbolo ombrello verde. Vi è poi la linea circolare JR yamamote:Shibuya, Shinjuku, Ikebukuro, Ueno, Tokyo station, dove potrete usare la japan rail pass, quindi già compresa nel prezzo.

Tokyo cosa vedere in tre giorni

Una metropoli bellissima,frizzante e piena di vita, in un contrasto tra la tecnologia piu’ avanzata e la filosofia oreintale. Donne allegre con improbabili capelli biondi, una città che vive la notte come il giorno

  • mercato del pesce di Tsuiji: è il mercato del pesce piu’ grande del mondo, e vi è un’enorme quantità di tipi di pesce! Il numero di persone che vi lavorano varia dalle 60.000 alle 65.000 unità, in vari turni. E’ diviso in due settori: mercato interno dove vi sono le aste dei tonni e riservato ai grossisti, e mercato esterno riservato alla vendita al minuto, con porzionatura, lavorazione ed essiccatura. Se si vuole assistere alla famosa asta del tonno, il re di questo mercato, bisogna andare alle 4,30 del mattino ed essere tra i primi 120 che si presentano al: the fish information centre.
  • Purtroppo il 30 settembre il mercato è stato chiuso per fare un parcheggio in vista delle olimpiadi del 2020 e spostato in un enorme hangar a 3 km di distanza, speriamo che non perda la sua originalità. Comunque qui si mangia anche il miglior sushi di Tokio, vi troverete infatti all’alba a degustare il famoso piatto giapponese: ricevi informazioni

 

  • Palazzo imperiale: a due passi dall’uscita della metro: Otemachi, si trova il palazzo imperiale, che non si può visitare, è però circondato da un parco e fossato dal quale si può entrare dalla zona est. Si può prendere una barca e ammirare gli alberi in fiore di ciliegio specialmente in primavera.

 

  • Incrocio di Shibuia: uno dei piu’ trafficati e fotografati incroci del mondo, quando scatta il verde al semaforo, un fiume di persone attraversa l’incrocio. Si può passeggiare avanti e indietro per rendersi conto di questo caos organizzato! I Giapponesi sono infatti abituati agli spazi ristretti, ed ognuno rispetta il suo sapzio, grazie anche alla loro cortesia innata. Questo incrocio è stato ripreso piu’ volte in tutte le televisioni e telefilm del mondo

 

  • takeshita street: fa parte del quartiere Harajuko, dove si può trovare di tutto, i centri commerciali abbondano di tecnologia, vestiti di stilisti nazionali, meglio vederla di sera quando è un pò piu’ tranquilla e le luci la neon scintillano. Consigliato da Andrea il negozio DAISO 100 yen dove potete trovare ogni singolo oggetto al prezzo di 100 Yen, e il TOTTI CANDY FACTORY, vedrete che zucchero filato particolarissimo faranno. Sempre nelle vicinanze alla sera Andrea si è fermato a cenare al LUKE’S Lobster e nel pomeriggio un “Break” al Cat Street Shibuya, fermarsi in un bar a prendere un caffè pieno di gatti.

 

  • Piazza Hachiko:  Shibuia. Questa piazza è stata chaimata così in onore del cane Hachiko. La sua storia è bellissima e commovente, proverò a riassumerla: Hachico nel 1923 aveva come padrone, un professore universitario di nome Ueno, ed il cane lo aspettava ogni giorno al suo ritorno dall’università alla stazione dei treni. Due anni dopo Ueno morì, ma il cane continuò ad aspettarlo fino all’anno in cui morì 1935 a 11 anni. la gente del posto si affezionò moltissimo a Hachico, anche se il suo vero nome era Hachi, che in giapponese vuol dire otto ed è benaugurante. Gli fu fatta quindi una statua in bronzo, il cui metallo fu poi usato nella seconda guerra mondiale, ma tre anni dopo la fine della guerra la statua fu ricostruita. I lpopolo Giapponese è molto affezionato a questa statua ed oggi è famosa in tutto il mondo

 

  • Hakiabara: Uno dei quarteieri piu’ strani e singolari di Tokio. E’ il paradiso per chi ama: action figure, anima e manga. Vi sono moltissimi store con questi articoli e molte altre cose. Per la strada si vedono ragazze vestite da governanti che ti invitano nei maid cafè. Duty free: non è molto conveniente andarci, in quanto l’iva in Giappone è del 5% a differenza nostra che è del 22%, quindi, l’imposta è praticamente già abbattuta.

 

  • Per gli amanti dei videogames-retrogames Andrea consiglia, ad Hakiabara il negozio SUPER POTATO dove troverete giochi del Nintendo e Sega Mega drive in pieno anno 1990, Il palazzo della Taito con cinque piani di videogames e i tre palazzi della Sega Club a sei piani. Nella vicinanze di questo quartiere c’è un tempio non molto conosciuto ma molte affascinante KANDA MYOJIN, per i più curiosi

 

  • Asakusa: Il tempio di Senso-ji: uno dei piu’ bei templi di Tokyo, e piu’ poplare. Costruito nel VII secolo è uno dei piu’ antichi del Giappone, fu distrutto durante la seconda guerra mondiale, e poi ricostruito. Se lo andrete a visitare Andrea vi consiglia di fermarvi per assaggiare il MELON PAN, un pane dolcissimo tipico giapponese del quartiere di ASAKUSA. Chiedete per trovarlo, ne vale la pena, rigenera e ripartirete alla scoperta di Tokio

 

 

  • Shinjuku: è il quartiere piu’ movimentato di Tokio, per quel che concerne la vita notturna. Ci sono luci al neon bar ristoranti, e negozi. Partendo da Shinjuku station vi trovate tre uscite: uscita est: zona dello shopping e quartieri a luci rosse, studio alta è uno dei fmosi punti di ritrovo. Vi sono anche streap bar, hostess bar e sopa lands centri massaggi. uscita ovest: quartiere degli affari: banche e compagnie di assicurazioni. Da menzionare il piu’ alto edificio del Giappone il metropolitan Governament, dove si può andare gratuitamente sulla terrazza 200 metri di altezza ad ammirare la skyline. Uscita est: Takashimaya Times Square, negozio fornitissimo di casalinghi e Kinokunya negozio dove potete trovare libri in lingua straniera, riviste manga per gli appassionati.

Nel quartiere di Shinjuku da non perdere assolutamente è il famosissimo GOLDEN GAI, una piccola via piena di bar talmente piccoli che sono per 2/4 persone massimo, più il barista davanti a voi.

Andrea consiglia anche il ROBOT RESTAURANT, il negozio BIC CAMERA SHINJUKU , IL DON QUIJOTE quando vi troverete a Shinjuku.

Il racconto di questo splendido viaggio per ora si ferma qui, proseguiremo con le altre città nei prossimi articoli: intanto grazie Andrea ed Elena


Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.