Correggio cosa vedere

Correggio cosa vedere nel paese della canzone “Certe notti”

L’altra sera sono andata al Teatro Asioli di Correggio,” paese nella bassa reggiana”. Questo è un teatro  bellissimo,  con una stagione di prosa  molto ricca. Ho visto:: Fronte del porto: con la regia di Alessandro Gassman, bellissima piece teatrale.  Mi è venuta voglia, così di scrivere un articolo su questo piccolo ma interessante paese. Conosco molto bene questo posto, ci sono stata molte volte, e mi ha sempre stupito come gli abitanti, sentendo il nome: “Luciano ligabue” vadano in brodo di giuggiole. Di solito “nemo profeta in patria”, ed invece il “rocker” qui è molto amato.

Lui reggiano doc, ha ottenuto la poplarità  soprattutto con la sua canzone Certe Notti, dall’album: Buon compleanno Elvis.  Poi è stato un susseguirsi di grandi successi. Questa canzone che io adoro,narra con i suoi versi, lo spaccato della sua provincia, dell’amore, delle sbronze del sabato sera, della macchina che corre, con alla radio la canzone perfetta: Neil Young. Poi si torna da Mario, il bar abituale. Mario esiste e non è a Correggio ma a San martino in Rio, paese vicinissimo a Correggio. Anche il film “radio freccia” è stato girato tutto a Correggio, un altro bellissimo racconto, del periodo delle prime radio libere, della droga, della vita di paese. Ma non voglio solo parlare del “Liga”, ma anche di:

Cosa vedere a Correggio

Questo paese della bassa reggiana prende il suo nome dalla Signoria di Correggio, che si sviluppò dal 1009 al 1635. Nel 1559 Ferdinando d’Asburgo diede a  Correggio il titolo di Città, dandogli il potere di battere moneta. Dopo varie vicessitudini fu unita al Regno d’Italia nel 1860. Il centro storico di Correggio inizia da  Corso mazzini, con ai suoi lati, i bellissimi portici, che lo separano dalla rocca.

e si affaccia nella omonima piazza dove c’è il palazzo Municipale e il palazzo della Regione. Bellissimo il suo acciotolato. In via Cavour si trova il

  • Palazzo dei Principi, splendido simbolo rinascimentale. L’ingresso è gratuito, ed all’interno, oltre la biblioteca vi sono opere del Mantegna, e di Antonio Allegri detto il Correggio
  • Museo Correggio: ospitato nel Palazzo dei Principi, è un museo bellissimo dedicato al grande pittore, e diviso in varie sale dove vi sono arazzi, e opere attribuite al Correggio

In piazza San quirino, vi è la statua dedicata al pittore. Qui c’è la

  • Basilica di San Quirino: bellissima chiesa fondata tra il IX e X secolo, in pieno medioevo, nel tempo subì varie trasformazioni fino a che, dal 1512 al 1525, in circa 13 anni fu ricostruita come edficio rinascimentale. La facciata è a tre ordini con la torre civica e all’interno vi sono decine di cappelle laterali.
  • chiesa di san Francesco: la chiesa piu’ antica in città, con uno stile tra gotico e rinascimentale
  • casa del Correggio: la casa è nel borgo vecchio e contiene molti documenti, che rappresentano la piu’ ampia documentazione di questo genio del rinascimento.
  • palazzo Cattini: in corso Mazzini, dal quale svetta il suo bellissimo orologio

Mangiare a Correggio

In Emilia si sa si mangia molto bene. Terra del parmigiano reggiano, una nostra eccellenza, copiato in tutto il mondo. Piatti tipici della zona sono: cappelleti in brodo, tortelli verdi, carrello dei bolliti, erbazzone. Dove degustare queste prelibatezze: Osteria del Filosso, il Correggio, Trattoria tre Spade

Dormire a Correggio

hotel dei Medaglioni, Casa Carletti

Questo è il racconto di Correggio, se siete da queste parti cercate di venire, la gente è ospitale, c’è l’arte la musica e la buona cucina! Tutto insomma! Alla prossima!

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.