Carcassonne cosa vedere

Carcassonne cosa vedere nella fortezza dei catari

Questo articolo fa parte del mio secondo viaggio in Francia. Siamo arrivati a Carcassonne da Avignone, 239km qui l’articolo:

Questo castello, o fortezza, che dir si voglia, ci interessava molto, in quanto città fortificata dei Catari.

Voli in offerta dall’Italia

Quando andare

Io sono andata in Agosto, che probabilmente è il periodo peggiore, perchè ci sono molti turisti. Se potete andate fuori stagione, il clima è come il nostro, continentale. A parte i mesi invernali, il clima è mite, e in primavera ed in autunno molto gradevole.

Chi erano i Catari

Sono stati scritti molti libri su chi erano i Catari. Chi erano dunque? Erano detti anche Albigiesi, dalla città di Alba. Vissero tra l’anno 1000 e il 1200 d.C. Il loro nome significa “puri” e furono i primi eretici della storia cattolica. Nato nel midì della Francia il catarismo si diffuse velocemente in tutta Europa.  Erano “gnostici” ed invisi alla chiesa cattolica. Perchè? Perchè prendevano alla lettera gli insegnamenti del vangelo, e poichè il clero cattolico in quel periodo, di certo, non professava l’amore per il prossimo, e la povertà, questi rappresentarono il piu’ grande pericolo della sopravvivenza della chiesa cattolica.

Qual’era la loro dottrina?

La dottrina è abbastanza complicata in quanto vi sono diverse opinioni in seno ad essa. Pensavano che l’uomo fosse sceso dal paradiso, mentre Satana scacciato da Dio, avesse contaminato e creato tutto ciò che era terreno. Per cui non seguivano nè il nuovo nè il vecchio testamento, contaminato secondo loro dagli umani, ma solo i vangeli apocrifi. Erano pacifisti e non usavano le armi.  la loro giornata consisteva perlopiu’ nella preghiera, che li avrebbe riportati in paradiso. Chiaramente la loro storia e il loro credo sono piu’ complessi, di questo breve riassunto. Se volete approfondire oggi ci sono moltissimi libri su questo argomento.

Come furono fermati?

Molti si convertirono al Catarismo, tra cui anche alti prelati, per cui nel 1209 ebbero inizio le crociate contro gli albigiesi volute da papa Innocenzo III. La prima città a cadere fu Bezieres, incendiata con donne  e bambini, poi fu la volta di Caracssonne e infine Montsegur fortezza pirenaica. Le crociate durarono trentanni ed ebbero una violenza e crudeltà ingiustificata.

la leggenda

Si dice che proprio a Montsegur, fu data ai catari 14 giorni di tregua e l’ultima notte quattro catari riuscirono a portare fuori dalla fortezza il tesoro col Sacro Graal. La storia invece è molto meno fantasiosa: l’ultimo giorno furono impiccati tutti ai piedi del monte, comprese donne e bambini, e poi fu incendiato tutto.

Ma torniamo a Carcassonne, per vederla un giorno è sufficiente, ed è un borgo che ci riporta in pieno medioevo, come altre cittadine francesi. Fu costruita nel 100 a.C dai romani, successivamente i Visigoti ne presero il controllo, facendo nuove fortificazioni. Dopo il 1209 con la sconfitta dei catari fu costruita la città bassa, che prosperò grazie all’industria tessile, e

l’annessione alla corona di Francia

.

Cosa vedere

  • la città bassa: non sempre considerata dai visitatori, la parte storica della città bassa è molto vivace, e caratteristica. Ci sono anche due importanti chiese: Cahtedral de Saint Michele, con una struttura semplice, un unica navata centrale, in stile gotico e la Chapelle de notre dam de la Santè , e segna l’inizio per la via del cammino per Santiago de Compostela.
  • La città medioevale: le due enormi cinte murarie esterne racchiudono una delle piu’ spettacolari cittadelle fortificate d’Europa. Ci sono quattro porte d’accesso: porte Narbonaise, porte d’Aude, porte du Bourg, e port Saint Nazaire a sud.  Passeggiare per questi vicoli dà la sensazione di essere di nuovo nel basso medioevo, qui infatti fu quasi girato interamente il film Robin Hood.  Unica nota stonata purtroppo sono i molti turisti. Se riuscite andate fuori stagione, ve la godrete senz’altro di piu’
  • Il castello: bellissimo il suo interno con la sala delle arcate, gotica e romana e quella antica

  • Basilca di saint Nazaire: uno dei piu’ importanti monumenti della Francia meridionale. L’assenza di finestre sulla cima  causa una certa affascinante oscurità, e all’interno si può vedere la bella e unica navata centrale in stile romanico. Ci sono sul percorso gli immancabili negozi di souvenir, i propietari sono praticamente gli unici abitanti della fortezza.

Dove mangiare: come ho detto nell’artcolo: Avignone il cibo del midì francese è buonissimo. Nella città bassa ci sono numerosi ristoranti, per tutte le tasche

Dove dormire: ibis carcassone centre: Stanze piccole ma posizione centrale e prezzi Ibis contenuti

conclusioni:

se andate nel midì non perdetevi questo gioiello medioevale, sia per la sua storia, sia per la sua atmosfera unica, ne rimmarete affascinati

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Questo articolo ha 8 commenti.

  1. Qualche anno fa siamo stati in Provenza ma non ci siamo spinti oltre per motivi di tempo! Ci siamo ripromessi, però, di ritornare e scoprire altro. Grazie mille per questo post, non avevo preso in considerazione Carcassone.

    1. grazie a te. Si non tutti la prendono in considerazione, invece è una città che merita sicuramente una giornata.
      Ciao anna

  2. Sono a digiuno di Francia se non un paio di visite a Strasburgo ma mi rendo conto che è un paese che offre davvero tanto … e io ho un debole per i castelli di ogni epoca! Non mi meraviglio della bellezza di Carcassone: Avignone ha tanta storia e sicuramente ha influenzato anche i dintroni!

    1. Si la Francia è un paese dove c’è tantissimo da vedere, c’è da dire che sono piu’ bravi di noi a valorizzare i loro patrimoni artistici

  3. Tu non ci crederai, ma io (nella mia somma ignoranza geografica) ho conosciuto questa città grazie ad un gioco da tavolo che si chiama, per l’appunto, Carcassonne. All’inizio credevo fosse un posto inventato ad hoc per il gioco, poi ho scoperto che quella meraviglia medievale raffigurata sul tabellone di gioco esisteva veramente! Io e il mio consorte adoriamo questo tipo di architetture e paesaggi, quindi se un giorno ci scapperà un viaggetto in Francia, Carcassonne sarà tappa obbligata 🙂

    1. Io invece non conosco il gioco!! Comunque si, se vai in Francia Carcassonne merita la visita, è un posto che ti porta indietro nel tempo

  4. Adoro le città medievali e i castelli, penso che questo luogo mi piacerebbe sicuramente. Grazie per i tuoi consigli, sono molto utili..purtroppo anche quando andrò sarà probabilmente ad Agosto visto che ho ferie solo in quel periodo.

    1. Si uno poi va quando può, comunque è molto bello lo stesso. Se riesci vai alla mattina presto, c’è meno gente ed è meno caldo, chiaramente. Quando sono andata io il clima era ottimo, ma adesso con questo clima non si può mai dire Ciao Anna

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.