Cambridge cosa vedere

Cambridge cosa vedere nella città dove nacquero i Pink Floyd

Cambridge la città meno piovosa della Gran Bretagna, è un ‘oasi di pace a solo un’ora dalla caotica Londra.E ‘la  città, sul fiume Cam,  famosa per la sua  Università che ha ospitato personaggi come: Francesco Bacone, William Wordsworth, Byron, Jhon Donne e molti altri. Si dice che qui ci sia anche il famoso albero che ispirò Isaac Newton, ma soprattutto è la città dove nacquero i Pink Floyd. Io che sono una grande fan di questa band, sapevo dei loro esordi in questo luogo, ma non che vi fosse addirittura un tour, che accompagna i turisti per tuttti i luoghi di Cambridge, significativi della band, per poi alla fine arrivare a Londra in Abbey Road, e  nel famoso studio di registrazione, Brittania road. Metto qui il link, del tour

Qui  nacque Roger Keith “Syd” Barrett, e nelle vicinanze David Gilmour, in un secondo momento li raggiunse Rogers waters e qui cominciarono i primi passi della loro grande carriera. Questo non è un articolo dedicato ai Pink Floyd ma una visita a Cambridge, ricordando anche i luoghi che loro amavano frequentare.

Altri articoli suul’inghilterra:

Come arrivare a Cambridge

Aereo: se si arriva in aereo l’aeroprto piu’ vicino è Stansted, ma anche gli altri aeroprti hanno connessioni con questa città

Treno: partendo da Londra a king’s cross o Liverpool street, ci simpiega 50 minuti per un costo circa di 25 Pounds

Auto: dal sud di londra la M11, e dal nord, la A1 e la M1 si congiungono alla A14 che raggiunge Cambridge, una volta lì vi conviene mettere la macchina in uno dei parcheggi: City centre car parks

Pullman: è la soluzione piu’ economica e ci impiega circa 2 ore

Qui metto il sito di ricerca prenotazione bus, treni europei

Cosa vedere a Cambridge

County High school

Collegio una volta solo maschile dove studiarono Syd barret e Roger waters, che si trasferì a Cambridge dal Surrey. Questo sembra gli abbia ispirato i famosi versi di The wall: we don’t need no education… hey teacher leave us kids alone…

Gli edifici universitari

Cambridge è famosissima per la sua università, che comprende ben 31 diversi college. In Sidgwick St ci si trova circondati dai suoi edifici: tra cui il famosissimo King’s College, e il trinity college.

Questi edifici stupendi anche per la loro archittetura, probabilmente nacquero nel 1209, da una protesta studentesca degli studenti di Oxford, che fuggirono qui, dove vi erano edifici di studi superiore, e nel 1231 Enrico III d’inghilterra riconobbe Cambridge come Università. Davanti al Trinity College si può vedere anche l’albero di Isaac Newton, da dove si dice cadde la mitica mela.

Cambridge university botanic garden

Questo enorme giardino botanico è grande 15 ettari, e dista circa 20 minuti a piedi, dalla piazza principale. Passando poi per il Sheep’s green si può raggiungere il Mathematical Bridge, il ponte che Newton si dice, costrui senza alcun punto di fissaggio, e dal quale teneva le sue lezioni

Un altro ponte famoso è il

Ponte dei sospiri

Una copia di quello di Venezia, sul fiume Cam, si possono prenedre anche delle gondole per navigare sul fiume e  raggiungere così il famoso pub piu’ antico della città; Pikerel e il

pub The Anchor

fondato nel 1864 e ritrovo dei Pink Floyd, in una suggestiva posizione sul fiume. Le pareti sono ricoperte delle foto del gruppo, ed è famoso per le sue porzioni abbondanti. Altro pub famoso è il the Eagle dove si dice fu annunciata la scoperta del Dna.

The round church

Una delle poche chiese in Inghilterra a base circolare, solo 4, ispirata al Santo Sepolcro di Gerusalemme,  di origine medioevale del 1130

In King’s parade, che è la via trafficata di Cambridge alla fine si trova la King’s college chapel

Corpus clock

Questo singolare orologio si trova nel Corpus Christy College, fuori dalla Taylor Library, questo è interamente placcato oro e funziona in maniera irregolare, segna il tempo esatto ogni 5 minuti ,ciò a testimoniare l’irregolarità della vita.

ed infine gli acquisti in Market Street, vi sono negozi che vendono anche tutte le cravatte originali dei vari college. Non si può perdere la visita del primo palco dei Pink Floyd: l’odierna libreria Waterstone, ex dot club.

Questa è una città bellissima, tranquilla e ricca di cultura. Cultura anche musicale, con gli esordi dei Pink Floyd, e la loro psichedelia. La loro carriera sarà poi sfolgorante, ma anche non priva di momenti bui, come la malattia di Syd barret, dovuta probabilmente all’lsd, che dovette abbandonare il gruppo, e la loro scissione. Hanno creato un mito che dura da cinquant’anni e non sembra tramontare. Personalmente mi fa molto piacere vedere su twitter David Gilmour che ancora suona la sua chitarra dal vivo, e che posta tweet, mi ricorda quel fantastico e anche discusso concerto a Venezia che ho avuto la fortuna di vedere da una barca in Piazza San marco. Thank you for all Pink Floyd

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.