Bangkok e il  mercato galleggiante di Damnoen Saduak

E’ vero è una visita molto turistica, ma rimane sempre una delle piu’ belle visite che abbia mai fatto nel sud est asiatico, è veramente la piu’originale. Questo mercato l’ho visto diverse volte e negli anni  non è mai cambiato, Gli stessi colori, la moltitudine di mercanzia colorata: frutti, papaye, ortaggi di tutti i tipi, disposti in queste barche-bancarelle, in maniera ordinata.

Un viavai continuo di donne e uomini con le loro barche (sampai) piene di mercanzie, per i tortuosi canali navigabili, e ai lati nel mercato coperto, altri oggetti: cappelli, ombrellini per il sole, e tantissime altre cose. Qui si comprerebbe tutto, anche perchè per noi è ancora conveniente. Le donne di norma vestono con i loro costumi tradizionali: camicia blu e cappello di paglia. Nel sud est asiatico c’è una grande tradizione di mercati galleggianti, questo non è l’unico a Bangkok, ce ne sono altri meno turistici, poi li troviamo anche in Vietnam, specialmente al sud.

Come arrivare a Damnoen Saduak

Si trova a circa 140 km da Bangkok

bangkok mercato galleggiante

Formula low coast:

Dal vostro hotel dovete andare a Victory Monument, alzandosi circa alle sei, e da qui con circa 77 bath il bus Chatuchak. Qui c’è la stazione dei minivan per il mercato, circa 2 euro a persona. Dovrete attendere che il bus si riempia e in due ore arriverete vicino al mercato, Qui prenderete la barca che vi porterà dentro il floatting market, o si può fare fare a piedi il percorso, un km circa, e poi prendere la barca per il giro nel mercato, circa 300 bath, lo stesso al ritorno.

Formula tour operator

mercato galleggiante e1568367397770

Personalmente mi sono avvalsa per queste gite di un giorno, di un tour operator locale, chiaramente costa di piu’ che andare coi mezzi che vi ho elencati, ma è molto piu’ comodo. Vi viene a prenedre in hotel e vi riporta alla sera, oltre il floating market vi porterà a vedere uno spettacolo con i cobra, a suo modo interessante, e una fabbrica di acque marine, (pietre)

Personalmente la soluzione numero 1 è alquanto laboriosa, se non sapete a chi rivolgervi per questi tour locali, contattatemi qui

si voglio informazioni

Cosa vedere nel mercato

 

Munitevi di bath, le contrattazioni sono tutte nella moneta locale, l’orario migliore è dalle 7 di mattina alle 9 , quando arrivano tutte le donne con i sampan pieni di mercanzie. Si gira con la barca attraverso gli stretti canali, e poi si può andare al mercato coperto dove vi sono per lo piu’ souvenir. Ci si sta circa un’ora e mezza, ed è una meraviglia girare in mezzo a questo fiume di colori, le barche sono tutte attaccate e mentre navigano le donne contrattano la loro mercanzia.

bangkok mercato gallegiante

Snake farm

IMG 0754 e1568367442739

 

Questo luogo si trova nel centro di Bangkok, se uno ha la fobia dei serpenti, è meglio che non vada. Qui c’è un enorme serpentario, dove vengono mostrati tutti i tipi di cobra e boa constrictor. Nelle campagne ancora oggi muoiono centinaia di contadini thailandesi a causa del morso di un cobra. Quindi lo scopo di questa farm è puramente educativo, insegnare alla gente del luogo, come comportarsi davanti a questi magnifici esemplari.

In questa farm danno anche delle prime istruzioni di pronto soccorso, ma purtroppo se si è morsi, l’unico sistema è fare come fanno loro, cioè tagliare il dito o l’arto dove è avvenuto il morso, il piu’ presto possibile. Qui il personale è molto competente, e vengono portati anche studenti universitari ad imparare la biologia dei rettili.

bankok mercato galleggiante

Poi si va in una specie di arena e si assiste allo spettacolo. Tutto è molto sicuro, ed io ho fatto caso che alcuni sono senza qualche dito, maneggiare i cobra a volte è rischioso !! E’ turistico? Probabilmente si, ma qui vengono anche molti thailandesi, ed è comunque una cosa che non si vede nelle altre parti del mondo! Poi decidete voi. Qui sotto potete vedere anche un video che ho fatto in questa farm.

Questa Thailandia ci riserva tante cose bellissime la prossima tappa sarà Ayuttaya, l’antica capitale!

 

 

Altri articoli