Ayutthaya Thailandia cosa vedere

Ayutthaya Thailandia cosa vedere nell’antica capitale del Siam

Ayutthaya è proprio bella! Quando si arriva col pullman si vedono tutti questi piccoli panettoni color marrone in mezzo al verde. Intorno alla città si snoda un canale che è la confluenza di tre fiumi. E’ l’antica capitale dal Siam e si trova vicino a Bangkok. Venne fondata nel 1350 da Ramathibodi, che giunse qui per sfuggire ad un’epidemia di vaiolo. Il suo nome significa casa di Rama, ed all’inizio del XVI secolo, giunsero qui mercanti occidentali, i quali riferirono di grandi opulenze nella città di Ayutthaya, che stava vivendo uno dei suoi periodi di massimo slpendore. Nel XVIII secolo, dopo guerre infinite, fu saccheggiata dai birmani, ed iniziò il suo declino.

Come arrivare ad Ayutthaya da Bangkok

Vi sono vari modi per arrivare ad Ayutthaya, dista 86 km da Bangkok e alla fermata dello skytrain Victoria Monument, vi sono vari pulmini che partono per l’antica capitale, costo 65 bath. Partono quando sono pieni. Il treno da Hua Lampong, parte ogni 30, 60 minuti, in terza classe senza prenotazione 15 bath, tempo due ore, oppure si può fare un tour organizzato, come ho fatto io, di un giorno con getyourguide

All’arrivo della fermata dei pullman, si è subito accolti dagli autisti dei tuk tuk che offrono la loro visita, si deve contrattare un pò, ma il giro è piacevole, oppure si può noleggiare una bici, anche questo è un modo alternativo per vedere il sito.

Costo dei biglietti ad Ayutthaya

Molti templi sono gratuiti, i piu’ importanti costano 50 bath oppure potete fare in biglietteria il biglietto comulativo da 220 bath.

Cosa vedere ad Ayutthaya

Il sito di Ayutthaya, si trova all’interno dell’isola centrale, ed è tutto all’aperto, ma sono da visitare anche i templi nei dintorni, fuori dal canale. il piu’ bello è Bang Pa In, il recinto degli elefanti. Per iniziare è meglio cominciare dall’isola interna.

Wat Mahathat

Questo è diventato il simbolo di Ayutthaya, infatti c’è la famosa testa del Buddha, incastrata tra le radici di un albero. Come sia caduta lì non si sa, forse è caduta, da un tempio e col tempo le radici l’hanno avvolta.

Wat Phra Si Sanphet

Forse il piu’ bel tempio, con i suoi tre enormi chedi, dove sono sepolte le ceneri del Buddha. Il tempio piu’ antico di tutti, ultimato nel 1351. Questo complesso è stato ricoperto di erbacce fino al XX secolo, ed oggi è solo parzialmente ristrutturato.

Wat Lokaya Sutharam

Un Bhudda sdraiato dalle dimensioni inmpressionanti, forse uno dei piu’ grandi in Thailandia. E’ tutto in calce bianca ed è lungo 42 metri. Le immagini del Buddha sdraiato non rappresentano sempre la sua morte, ed in questo caso egli divenne 100 volte piu’ grande per affrontareil demone Rahu.

Wat  Phanan Choeng

Questo wat conserva uno dei piu’ grandi Bhudda di tutta la Thailandia, alto 19 metri. Risale al tardo XV secolo ed ha subito diversi restauri. Nel 1767 i birmani danneggiarono la statua, che poi venne restaurata, vi è inoltre una collezione di 80.000 statue di Bhudda piu’ piccole.

Museo nazionale Chao Sam Phraya

Qui si trova una splendida collezione di manufatti: una spada tempestata di pietre, pantofole d’oro e gioielli. Qui ci sono gli oggetti sopravissuti al saccheggio dei Birmani

I dintorni di Ayuhttahia

Come abbiamo detto Ayutthaya, si trova all’interno di un canale, attraversando uno dei tanti ponti si arriva al recinto degli elefanti, dove venivano condotti gli elefanti selvaggi per essere addomesticati.

Wat Na Phra Men

Uno dei monasteri piu’ belli di Ayutthaya,  sopravvissuto al saccheggio birmano e dove fu firmato il trattato di pace con i Burma, che però fu rotto, da altre cannonate birmane Qui si trova un Bhudda seduto, in oro.

Bang Pa-in

Uno dei templi che piu’ mi è piaciuto, immerso nell’acqua, da un senso di pace enorme. Si differenzia molto dai templi di Ayutthaya, eretto nel XIX secolo, forse per celebrare la nascita del figlio di re Narai. Al centro di un lago artificiale, dietro si trovano una torre di guardia, e il palazzo in stile cinese.

Se potete non perdetevi questa escursione, si entra nel cuore dell’antico Siam, con la sua vecchia capitale, e fuori dalla frenetica Bangkok, qui si trova un’oasi di pace, camminando in mezzo a questi antichi  Bhudda, e piccoli panettoni, come  chiamo io i chedi!

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn

 

anna

Sono l'autrice di questo blog, mi piace viaggiare, ho viaggiato molto, e spero di viaggiare ancora

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.