Asiago cosa fare

Asiago, cosa fare nell’altopiano dei sette comuni

 Asiago cosa fare? Visitare Asiago e l’Altopiano dei sette comuni, noto come Altopiano di Asiago, vuol dire andare, non solo a sciare in inverno e a fare passeggiate in estate, ma visitare una terra bella, autonoma e indipendente, con  tradizioni germaniche, che ancora oggi si ritrovano nel folklore, e nella lingua, chiamata “cimbro”. I comuni sono in realtà otto: Asiago, Roana, Rotzo, Gallio, Foza, Enego, Conco, Luisiana. Sette dal 1310 al 1807: spettabile reggenza dei sette comuni, e 8 nel 1796. Durante la prima guerra mondiale, ha subito terribili devastazioni, che si possono vedere ancora oggi nelle montagne: trincee, gallerie, cimiteri di guerra. Oggi l’altopiano è un posto votato al turismo con la possibilità di praticare tantissimi sport: in estate malghe, sapori di bosco, passeggiate a piedi e a cavallo, d’inverno, lo sci, il fondo e camminate con le ciaspole. Altri articoli sul Veneto

Asiago la conosco molto bene, essendo veneta ed avendo cominciato a sciare, e a pattinare sul ghiaccio prestissimo. E’ una grande palestra, per chi comincia a sciare, vi sono molte piste poco impegnative ed altre di medio livello, in un territorio bellissimo.

Mario Rigoni Stern che nacque ad Asiago nel 1921, ha sempre voluto vivere qui ed ha ambientato molti dei suoi racconti proprio qui, con protagonisti: montanari, pastori , casari la cui vita era scandita dai ritmi della montagna.

Sport invernali

asiago cosa fare

Asiago, è noto in tutto il mondo per lo sci di fondo. Ha ben 500 km di piste di varie difficoltà, distribuite negli otto comprensori e quasi tutte collegate tra di loro. Questo le rende una delle piu’ ricche realtà nel campo dello sci nordico internazionale. Buona, anche se non ottima la proposta dello sci alpino, con 45 impianti di risalita e 80 km di piste, distribuite nei comprensori di Gallio 2000, Melette, Verena 2000, Kaberlaba val Maron ( Enego 2000 ). A questi si aggiungono il trampolino di Gallio, per il salto degli sci (mai provato, ma dev’essere bellissimo saperlo fare), l’hockey,  ed il pattinaggio, nello stadio del ghiaccio di Asiago, aperto tutto l’anno e il palaghiaccio di Roana. Ed infine il centro Sleddog Marmarole, che consentono a tutti di avvicinarsi al mondo della slitta trainata dagli husky. www. sleddog-italia.it

Sport estivi

asiago sport estivi e1569932599170

I 500 km di sci di fondo si trasformano in una fitta rete di sentieri, per mountain bike, passeggiate a cavallo, che possono diventare un’avventura quando si galoppa lungo le mulattiere della Grande Guerra, meglio essere accompagnati da guide esperte: centro Ippico Kaberlaba. Ad Asiago c’è poi un campo da golf con 18 buche, ed un aereoporto attrezzato per il volo a vela. Si può praticare escursionismo, trekking e nordic walking. Tra le uscite piu accattivanti, il percorso delle malghe, della Piana di Vezzena, con degustazioni di formaggi. I percorsi della guerra sul Monte Cengio, sul Monte Ortigara, ed i percorsi della natura con incontri ravvicinati con marmotte e caprioli. Per un lontanissimo salto nel tempo, le mulattiere che da Canove a Roana conducono alle incisioni rupestri della val d’Assa, graffiti preistorici emersi dopo l’alluvione del 1966.

I luoghi della Grande Guerra

Asiago cosa fare

Questa Grande Guerra, della quale troppo poco a volte sappiamo. Molti miei amici in queste montagne hanno trovato ordigni a volte ancora inesplosi. Una guerra che qui fece migliaia di morti e l’apice della violenza si toccò nel Giugno del 1916. Conosciuta con il nome di Strafexpedition. Oggi il museo storico della guerra 1915-1918, raccoglie oltre 2000 fotografie dei campi di battaglia, ed una toccante collezione di effetti personali militari. Nell’area sacra del Monte Pasubio, si staglia il Sacello Ossario del Pasubio, un ossario dove riposano 5977 caduti italiani tra cui 3400 ignoti. Sul sacrario militare del Monte Grappa: Il Massiccio del Monte Grappa, legato al ricordo delle ultime decisive battaglie, seguite alla disfatta di Caporetto. Infine il Sacrario Militare di Asiago, con le forme di un maestoso arco trionfale Vi sono altri luoghi dedicati alla grande guerra,  qui ne ho elencato solo alcuni.

Asiago

Asiago cosa fare

Il centro piu’ vivace dell’altopiano. Durante la grande Guerra fu completamente raso al suolo, e poi ricostruito nel rispetto dell’originaria struttura urbanistica. E’ un paese che a me personalmente piace molto, il centro, è la graziosa piazza Carli, con la decorazione della fontana del fauno, e il Duomo di san Matteo, patrono della città con all’interno due tele di Francesco Bassano il giovane e Francesco Bassano il vecchio. Accanto al Municipio, la torre campanaria con l’orologio, e il leone di San marco. La via dello “struscio”: Corso IV Novembre animato da negozi, alberghi e pasticcerie. Per chi vuole avere qualche lezione sulla flora e fauna dell’altopiano: Il Museo naturalistico didattico Patrizio Rigoni.

Dove e cosa mangiare ad Asiago

Innanzitutto non si può non assaggiare il formaggio Asiago fresco o stagionato. Poi la torta ortigara, il miele, il tarassaco di Conco, le patate di Rotzo. Dove mangiare queste prelibatezze a chilometro zero? In malga al ristorante, Malga col del vento, a Cesuna. Ad Asiago osteria la Taverna.

Dove dormire ad Asiago

Io sono andata molte volte all‘hotel Rutzer, in centro ad Asiago, tutto in stile rustico. Oppure vi sono tantissime offerte nel sito di Booking.com

clicca e prenota

 

Altri articoli